Tre arresti per rapine. Colpi anche a Ruvo

2278

I Carabinieri della Compagnia di Trani hanno arrestato in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Trani, su richiesta della locale Procura della Repubblica, P.V.,  20enne, M.F., 31enne e D.P. L., 27enne, tutti  di Bari, ritenuti responsabili di aver commesso 8 delitti, tra furti e rapine, in danno di esercizi commerciali nei Comuni di Molfetta, Ruvo di Puglia, Trani e Barletta.

Solitamente prediligevano supermercati ma almeno due furti sono stati perpetrati in danno di una celebre catena di negozi per l’igiene personale e della casa.

L’indagine, coordinata dalla Procura di Trani,  è iniziata nel gennaio 2019, allorquando i Carabinieri della Stazione di Trani  intervenivano   in un supermercato di Via Falcone ove, poco prima, i tre avevano rubato derrate alimentari per 100,00 euro ma, vistisi scoperti dal proprietario, al fine di assicurarsi la fuga, lo avevano minacciato di morte, aggredendolo e  provocandogli  lesioni guaribili in 5 giorni.

I militari hanno quindi effettuato uno scrupoloso sopralluogo riuscendo ad ottenere valide testimonianze da chi aveva assistito ai momenti concitati della colluttazione.

Dichiarazioni poi risultate fondamentali per l’orientamento delle indagini che sono state alimentate dall’acquisizione di immagini di impianti di videosorveglianza pubblici e privati che hanno consentito di individuare anche l’autovettura con cui i malviventi si erano dati alla fuga.

Tutto ciò è stato poi approfondito attraverso un meticoloso lavoro di ricerca, presso altri Reparti dell’Arma, di denunce per furti e rapine operate in danno di esercizi commerciali con lo stesso “modus operandi”.

Grazie a queste attività investigative i militari della Stazione di Trani sono riusciti ad acquisire  importanti  elementi probatori che hanno attribuito agli indagati le loro responsabilità su altri 7 furti commessi da luglio 2018 a tutto il 2019, riuscendo ad asportare merce  per un corrispettivo in denaro di circa 2.000 euro.

Gli arrestati, tutti con numerosi precedenti penali per reati prevalentemente contro il patrimonio, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni, a disposizione della competente A.G..

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome