Home Cultura TALOS FESTIVAL, IL PROGRAMMA ODIERNO

TALOS FESTIVAL, IL PROGRAMMA ODIERNO

463

“Passa la domenica con noi” è l’invito degli organizzatori del Talos Festival 2019. Sino a domenica 8 settembre prosegue a Ruvo di Puglia il Talos Festival, organizzato dall’Amministrazione comunale con il sostegno dellaRegione Puglia e di altri partner pubblici e privati, con la direzione artistica di Pino e Livio Minafra e il progetto coreografico di Giulio De Leo dellaCompagnia Menhir.

Domenica 1 settembre dalle 10 nel centro storico primo appuntamento con Arcipelago – Bio-sculture su repertorio Talos (1993 – 1996) con i danzatori professionisti partecipanti all’atelier coreografico condotto da Giulia Mureddu della Compagnia Virgilio Sieni Danza, interprete/coreografa dalla lunga esperienza internazionale. Tutte le mattine (dal 1 al 4 settembre) i partecipanti all’atelier saranno protagonisti, infatti, nel centro di Ruvo della performance “Arcipelago“. Filo comune fra le postazioni coreografiche e le improvvisazioni generate saranno i brani più rappresentativi dello storico repertorio musicale di Talos Festival, dal 1993 al 2018. Alle 17 da Piazza Matteotti partenza di “Giocoso en plein air” a cura della Compagnia Menhir con la musica di Tommaso Scarimbolo (percussioni) e la danza di un gruppo di bambini e bambine dai 6 ai 10 anni. I bambini sono guidati alla riscoperta del gioco dell’articolazione e disarticolazione del corpo in un percorso coreografico caratterizzato dallo stanziare in gruppo nelle piazze della città. Attraverso l’utilizzo di piccole assi di legno potranno visualizzare le linee intrinseche alla struttura corporea e misurare le proprie proporzioni, lo spazio tra i corpi e le architetture urbane. In una serie di pratiche coreografiche giocose, rigorose e complesse i piccoli cittadini potranno frequentare la solennità dei piccoli Cristudde della settimana santa e l’anarchia di Pinocchio. Dalle 18 nel chiostro dellaPinacoteca d’arte contemporanea la musica di  Horizons, progetto nato dall’incontro fra la fisarmonica di Leonardo Di Gioia e il sassofono diEnzo Bacco, che hanno dato forma a un concerto mai identico a se stesso e in continua evoluzione: i due strumenti dialogano senza sosta con verve improvvisativa, battute estemporanee ed esiti sempre originali e mai prevedibili. A seguire Canti Lucani con Livio Minafra (pianoforte e composizione) e il Coretto Skénè diretto da Luigia Mennuti in collaborazione con Ndruzz Festival e Comune di Montemilone (Capitale europea della cultura per un giorno). Il repertorio è composto da canti tradizionali lucani come pure brevi scenette teatrali e di musical. Dalle 20:30 sul Sagrato della Cattedrale la seconda giornata del Talos si concluderà con una Serata lucana con le esperienze del Complesso Bandistico “Vincenzo Bellini” di Genzano di Lucania e del Complesso Bandistico Atellano di Atella. L’associazione culturale Complesso Bandistico “Vincenzo Bellini” di Genzano di Lucania (Pz), formatasi già nei primi anni ’80 e costituita legalmente nel 1996, ha lo scopo di esercitare attività culturali con particolare riguardo alla musica in ogni sua forma mediante la promozione di iniziative pubbliche e private. Rappresentata dal giovane presidente Vito Laginestra, è presente in varie manifestazioni riscuotendo grande successo di pubblico ed apprezzamenti della stampa. Composta da circa 45 giovani genzanesi, svolge un’intensa attività concertistica. Il Complesso Bandistico Atellano nasce nel 1991 e dal 1999 è diretto dal Maestro Pasquale Di Muro. Nel corso di oltre venticinque anni ha partecipato a numerose manifestazioni nel comune di origine di Atella, in provincia di Potenza, dove organizza annualmente un raduno bandistico con il coinvolgimento di bande lucane e di altre regioni del Sud Italia. La banda è aperta a ogni fascia di età. Dal 1991 è attivo un corso di musica d’insieme aperto a tutti coloro che, giovani o meno, hanno da poco iniziato a suonare uno strumento a fiato o a percussione e vogliono provare ad inserirsi in un gruppo per crescere insieme, non solo musicalmente.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome