Maratona di trapianti di rene: sei in una settimana, è record al Policlinico di Bari

Sei trapianti di rene in una settimana: è record nelle sale operatorie del Policlinico di Bari. In appena sette giorni, grazie al coordinamento del Centro regionale trapianti, sono state effettuate sei operazioni chirurgiche di trapianto di rene di cui due da vivente, con la donazione dell’organo arrivata dai familiari dei pazienti.

L’ultimo trapianto ha riguardato un uomo di 53 anni, in dialisi ormai da 3-4 anni, che ha ricevuto il rene donato dalla sorella, un’avvocata 52enne. La particolarità di questo intervento è che si è trattato di una coppia, fratello e sorella, con gruppi sanguigni differenti cosa che, in passato, rappresentava una barriera assoluta al trapianto. Il paziente, prima del trapianto, ha seguito una preparazione farmacologica per evitare il rigetto dell’organo.

Nei giorni precedenti donazione di organo e trapianto di rene avevano riguardato, invece, due sorelle. A eseguire i trapianti è stata l’equipe del professor Pasquale Ditonno, direttore dell’unità operativa di Urologia del Policlinico di Bari.  Per i trapianti da donatore cadavere,  eseguiti dal prof. Giuseppe Lucarelli e dai dottori Marco SpilotrosCarlos MiacolaMatteo MateraGaetano Palella e Michele Tedeschi, gli organi sono stati prima introdotti nelle macchine da perfusione che consentono una migliore ossigenazione dell’organo ed un miglior risultato funzionale dopo il trapianto.

“È stata una settimana intensa con sei trapianti un giorno dopo l’altro. Questo risultato lusinghiero deriva dalla grande generosità delle famiglie dei donatori, dal coordinamento tra le tante componenti della task force trapiantologica pugliese e dall’impegno e dalla responsabilità di tutti gli operatori sanitari. Abbiamo implementato, per i trapianti da vivente, una chirurgia mini invasiva per il donatore: quando preleviamo il rene lo facciamo per via laparoscopica con l’ausilio del robot che riduce al minimo il trauma e il danno estetico – spiega il professor Ditonno – Si effettua solo una piccola incisione e la ripresa funzionale per il donatore è piuttosto rapida, in soli due-tre giorni. Attraverso questa tecnica, inoltre, il rene arriva in ottime condizioni per essere trapiantato”.

In tutto il 2022 sono stati già effettuati 17 trapianti di rene da vivente e 51 con organi prelevati da cadavere: in tutto 68 trapianti di rene.

“Grazie all’incremento del numero di donazioni possiamo dare una seconda vita ai tanti pazienti che sono in lista d’attesa per un trapianto. La grande generosità delle famiglie che in un momento di dolore scelgono di donare è il più grande atto di amore per la vita” commenta il coordinatore del centro regionale trapianti, prof. Loreto Gesualdo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: