La replica di Biagio Pellegrini: "la verità, quella VERA, non può che uscirne vittoriosa"

Biagio Pellegrini replica all’articolo de “La Gazzetta del Mezzogiorno”, ripreso da ruvesi.it nella giornata di ieri,

“E’ difficile rimanere silenziosi quando sei bersaglio di aggressioni mediatiche che cercano di cambiarti l’identità. Certo ci sono esempi ben più gravi e drammatici del tuo, come il caso Tortora, il notissimo metodo Boffo (sinonimo di campagna di stampa basata su bugie allo scopo di screditare qualcuno), ed il caso giudiziario di Unabomber in cui l’ing. Elvo Zornitta, accusato di stragi, risultò poi completamente innocente, dopo aver sopportato seri danni personali e patrimoniali, tra cui la perdita del lavoro, a causa delle indagini a suo carico e delle continue dichiarazioni fatte dagli organi inquirenti e dalla stampa a suo carico.

Ti capita quindi di essere un cittadino tranquillo, dedito al tuo lavoro, stimato ed apprezzato per le relazioni sociali e per i frutti del tuo impegno e, ciononostante, ti può toccare di fare un’esperienza che ti sconvolge la vita. Ti piove addosso una tempesta di una tale violenza da toglierti ogni entusiasmo e desiderio di credere in qualcosa od in qualcuno. Immaginate di non aver mai frequentato legali ed uffici giudiziari ed all’improvviso siete costretti a salire e scendere scale austere di tribunali diversi (civile di Trani ed Andria, del Lavoro, Tribunale penale di Ruvo e Tribunale penale di Trani, Giudice di Pace, TAR di Bari, Corte di Appello di Bari, Tribunale del Riesame di Bari). In diversi anni fai esperienza di sedute ed udienze che ti cambiano le giornate.

Tutto questo a motivo di un bombardamento che qualcuno ha deciso di rovesciare su di te. Una raffica di denunce che tu proprio non immaginavi, costruzioni ardite di accuse fondate su letture parziali di fatti e documenti, che tu devi cercare in tutti i modi di chiarire per sconfessare l’immagine di un funzionario che non rispetta la legge, che perseguita le persone, che agisce per i propri interessi. Ma è credibile tutto questo?

Un’esperienza difficile da raccontare ma che ha segnato profondamente chi l’ha vissuta, soprattutto perché nessuno potrà cancellarla completamente e ripagare le sofferenze patite. L’elenco delle accuse intentate è lunghissimo, tanto da non riuscire ad indicare il numero preciso nemmeno nella memoria di chi le ha sottoscritte! Nel frattempo arrivano le assoluzioni definitive, le archiviazioni e le tante sedute distanziate nel tempo. Ma anche le assoluzioni non ti restituiscono completamente la serenità attaccata e distrutta da accuse, poi dichiarate inconsistenti od inesistenti.

E non manca il caso di chi, approfittando della difficoltà dell’indagato considerato persona perdente, coglie l’occasione per rigirare il coltello nella ferita ed approfittare della momentanea crisi per porre a segno altri colpi feroci in settori diversi.

Per fortuna scherzare con la giustizia non è una sicura scelta di successo. Anche se tarda a venire (e sono anni di “pena ed affanno”) la verità, quella VERA, non può che uscirne vittoriosa”.

Un pensiero su “La replica di Biagio Pellegrini: "la verità, quella VERA, non può che uscirne vittoriosa"

  • 4 Aprile 2016 in 20:25
    Permalink

    Certo, nessuno dev’essere ritenuto colpevole fino all’ultimo grado di giudizio. Allora qual e’ il problema? L’innocente non teme letture parziali di fatti e documenti ( si tratta pur sempre di MAGISTRATI ). Lascia basiti invece l’apprezzamento per il giudice che assolve e il livore per quello che ritiene di CHIARIRE i ruoli in vicende dubbie (anche se si tratta della stessa persona). Infine un pensiero alle centinaia di famiglie che hanno negli anni affidato i loro figli a quell’Istituto e trepidano per conoscere la VERITA’ VERA e avere la certezza che fossero in luogo di formazione culturale e civile e non in qualcosa di diverso.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: