Home Palazzo Avitaja ESTENSIONE DEL DIRITTO ALLA SOSTA GRATUITA: NOTA DEL SINDACO CHIECO

ESTENSIONE DEL DIRITTO ALLA SOSTA GRATUITA: NOTA DEL SINDACO CHIECO

780
PASQUALE CHIECO

Con riferimento alla questione della gratuità della sosta per le auto con contrassegno disabilità, il sindaco Pasquale Chieco ha rilasciato la seguente nota:

“SOSTA GRATIS PER LE AUTO CON CONTRASSEGNO DISABILITÀ: DI COSA PARLIAMO ESATTAMENTE” 

Il Consiglio comunale dello scorso 23 dicembre, con voto unanime, mi ha dato mandato per ampliare ulteriormente le possibilità di sosta gratuita per le auto con contrassegno disabilità.

Su mia proposta la Giunta ha quindi approvato un protocollo, frutto di un confronto tra uffici e concessionario, con il quale, tra le altre modifiche (per esempio la riduzione delle aree interessate da sosta a pagamento), si è esteso significativamente il diritto al parcheggio gratuito in favore dei cittadini con disabilità riconoscendo al concessionario un importo mensile forfettario di 1.500 euro.

A Ruvo sono infatti circa 600 i contrassegni di auto a servizio dei disabili che potranno parcheggiare gratuitamente in caso di posti riservati occupati.


Questa decisione, la cui concreta attuazione è prevista per marzo, è stata però animatamente contestata da Consiglieri comunali di minoranza perché, a sentire loro, non rispetta la volontà del Consiglio comunale e perché riconosce al concessionario un corrispettivo ingiustificato.
Una obiezione assai curiosa, a dire il vero. Tutti sanno infatti che i diritti di welfare costano.

Come, ad esempio è possibile eliminare i ticket in sanità?

La gratuita della prestazione sanitaria a tutela del diritto alla salute è un costo che si accolla lo Stato scegliendo come usare le tasse che paghiamo. È discorsi simili potremmo farli per tanti sostegni economici e sociali.

Scelte  appunto.

Riconoscere la gratuità della sosta delle auto a servizio dei cittadini con disabilità ha un costo.

Un costo che la concessionaria non si accolla e tocca quindi al Comune farsene carico.

È una scelta; la nostra scelta.

Insomma, delle due l’una: se vogliamo (come vogliamo) introdurre un nuovo diritto a favore dei cittadini con peculiari necessità, dobbiamo accollarcene i relativi costi così come avviene in tanti altri casi per tanti altri diritti, convinti che possa migliorare la vita non di pochi ma di tutti.

 In ogni caso, accettando le sollecitazioni che mi vengono anche da alcuni consiglieri di maggioranza, rimetterò la questione alla discussione e alle valutazioni pubbliche del (prossimo) Consiglio comunale per decidere insieme come procedere per migliorare il diritto alla mobilità delle persone con disabilità.”

1 COMMENTO

  1. Sig. Sindaco devi solo vergognarti di esistere, tu e tutti i componenti della tua giunta e della tua maggioranza. Sei solo di parte. Come puoi creare un buco in bilancio di tale portata. Con i 22.000 euro circa che il concessionario versa al comune tu paghi la polizza aggiuntiva ai vigili. Ora che farai, toglierai la polizza o dovrai caricare a bilancio circa 16.000 euro che ti mancheranno? E la polizza è annuale o pluriennale? Poi se decidi di non farla più significa che la stessa non serviva? E se così è perché sprechi soldi pubblici. In ogni caso hai creato un gran casino. Per quale fine? Non sarebbe meglio se te ne andassi da Ruvo. Non sei adatto a governare.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome