Home Politica CHIECO: “LA TRAMA DI UNIONE E’ LA PARTECIPAZIONE”

CHIECO: “LA TRAMA DI UNIONE E’ LA PARTECIPAZIONE”

321
PASQUALE CHIECO

Forte volontà di coincidenza degli obiettivi dell’amministrazione, determinazione a trovare un metodo di maggiore iterazione e coinvolgimento della politica e dei cittadini, il senso di responsabilità per il buon andamento dell’azione amministrativa.

Si riassume in questi punti i motivi che hanno portato al superamento della crisi amministrativa aperta lo scorso 13 marzo.

Obiettivi comuni ritrovati, pace fatta in virtù di un cambiamento nel dialogo e nel coinvolgimento tra le parti da attuare per portare a termine il programma che rimane integrato.

Si parla di responsabilità nel nome della continuità amministrativa, nella conferenza stampa in cui Pasquale Chieco ha spiegato le ragioni che hanno portato al superamento della crisi amministrativa.

“E’ nata – sottolinea il sindaco – qualche settimana dopo l’approvazione dell’osservazione “50”. Nata dalla necessità di ritrovare ragioni e modalità di confronto efficaci. La velocità dell’azione amministrativa, la corsa sfrenata alle procedure e ai provvedimenti ha messo in secondo piano alcune metodologie di ascolto, forzato le ragioni della condivisione. Per la volontà di fare, di mettere in campo le nostre idee. Abbassare i ritmi, disegneremo la città in maniera meno rapida nelle modalità perché siamo convinti che la la partecipazione serva sempre”.

“Amministrare una città è una cosa complicata e caotica. Abbiamo individuato nuovi metodi e luoghi in cui ci confronteremo e ribadito una volontà marcata di aprire al confronto con i cittadini”, ha proseguito Chieco.

Nessuna dietrologia da fare, ma solo la volontà di guardare avanti e costruire la città che ci si è prefissati secondo il programma stipulato al momento della candidatura a sindaco.

Alla presenza dei capogruppo di maggioranza in Consiglio Comunale, Chieco parla e spiega quello che è accaduto. La volontà di chiarirsi e di trovare nuovi punti di vista per andare avanti.

Gli “AppDem” presenti in aula, con il solo Francesco Summo assente per motivi personali.

Chieco ha ribadito che non ci sarà nessun rimpasto di Giunta. “Non è stato semplice superare la crisi”, ha ribadito Pina Picciarelli. “Non è stato facile trovare la quadra, ma gli obiettivi sono comuni. Ci siamo dati delle priorità e ci siamo dati delle modalità che non sono definitive. Stiamo costruendo un percorso che ci porterà ad avere maggiore consapevolezza e partecipazione”.

“Percorso parallelo tra crisi amministrativa e politica – ha spiegato Mario Paparella in merito alla vicenda locale del PD – e risolveremo anche quella del PD perchè abbiamo ritrovato una comunità di intenti anche in questo senso. Servirà un percorso un pò più lungo ma risolveremo anche quello”.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome