Home Agricoltura XYLELLA: COLDIRETTI PUGLIA, OK CORTE DEI CONTI A PIANO PER RILANCIO TERRITORI...

XYLELLA: COLDIRETTI PUGLIA, OK CORTE DEI CONTI A PIANO PER RILANCIO TERRITORI COLPITI

60

Via libera al parere di legittimità della Corte dei Conti al Piano anti Xylella, approvato in Conferenza Stato – Regioni il 13 febbraio scorso, che guadagnerà in operatività, commenta Coldiretti Puglia, solo quando il Decreto per le emergenze sarà riempito dei contenuti per il Salento.

“Abbiamo affidato gli emendamenti ai parlamentari che dovranno consegnarli alla Commissione Agricoltura della Camera entro venerdì prossimo, prima che il testo approdi in aula per la conversione in Legge. Servono gli strumenti operativi per poter ridare la libertà di impresa ad olivicoltori, frantoiani e vivaisti – ha aggiunto il presidente Muraglia – perché, se non ci saranno le indispensabili deroghe per superare gli ostacoli all’espianto volontario in area infetta, al reimpianto e alla movimentazione delle piante, anche l’importante stanziamento di 300 milioni annunciato dal Ministro Lezzi, oltre ai 100 già destinati con delibera Cipe, non potranno essere utilizzati per far ripartire il Salento e ridare prospettive di ricostruzione del patrimonio olivicolo del territorio”.

Dei primi 30 milioni di euro stanziati dal CIPE solo 15 andranno alle aziende olivicole colpite dalla grave fitopatia – ricorda Coldiretti Puglia – perché i restanti 3 milioni di euro andranno alla ricerca alla e sperimentazione, 4 milioni alla prevenzione della diffusione della Xylella, 2 milioni per il potenziamento del servizio fitosanitario  per il supporto alle attività ispettive e 1 milioni di euro per la comunicazione istituzionale e altri 5 milioni per il rilancio dell’economia nelle aree danneggiate.

“Abbiamo chiesto formalmente alla Regione Puglia – insiste il Presidente Muraglia – che i primi 30 milioni di euro, data l’esiguità delle risorse del primo stanziamento, vadano esclusivamente ad olivicoltori, vivaisti e ai frantoi, per aiutare l’intera filiera produttiva del Salento, evitando che il primo aiuto dato al mondo olivicolo attraverso Fondi Cipe prenda altre direzioni”.

Opportuna la strategia condivisa tra i Ministeri all’Agricoltura, al Sud, al Lavoro e MISE per rendere operativo il Piano Centinaio e destinare le risorse, a favore di nuovi impianti produttivi resistenti e dei sostegni agli agricoltori e alle loro famiglie che non possono produrre, prevedendo urgenti e necessarie misure – aggiunge Coldiretti Puglia – per l’integrazione al reddito per 5 anni per i frantoi cooperativi, aziendali e industriali, che dimostrino di restare attivi e produttivi e interventi economici a supporto della rottamazione totale e parziale degli impianti, per le aziende che vogliono dismettere o riconvertire l’attività, oltre al sostegno all’occupazione attraverso l’esonero dei contributi previdenziali e gli sgravi dei contributi per i lavoratori.

Importante l’impegno diretto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del Governo, dopo la manifestazione di Coldiretti e Unaprol a Lecce con 6mila agricoltori riuniti contro i ritardi e la gestione inconcludente della Regione Puglia dell’emergenza Xylella che ha devastato milioni di ulivi in Puglia e dal Salento sta avanzando inesorabile verso Nord. Una strage provocata da errori, omissioni, ritardi e strumentalizzazioni che rischia di sfregiare per sempre il territorio e distruggere un intero tessuto ambientale, economico ed occupazionale.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome