Home Cultura “U vère refuggje” di Nicola Campanale, il Poeta Contadino

“U vère refuggje” di Nicola Campanale, il Poeta Contadino

583

La poesia “U vère refuggje” è stata scritta da Nicola Campanale, noto come il Poeta Contadino. Scomparso dieci anni, ha lasciato un’importante tradizione vernacolare.

Fa riferimento alla crocefissione di Gesù, unico riferimento per tutta l’umanità in questo momento di sofferenza e di smarrimento. Fa parte della raccolta “Lingua Madre” acquistabile presso la Pro Loco, le edicole di Ruvo di Puglia e la Double P Communication.

La foto ritrae la “Palma vivente”, realizzazione del poeta stesso.

Scappe cumbore a bumbardò

vìne cu maiche a refuggiò

ma addò vè, addò vu scèje

ce tutt-u munne è na pazzejè?

 

Canosc-èje nu poste sechiure

vine cu maiche, nan-avaje paghìure

cusse me puorte sop-a nu muonde

ca staje na crausce cu n-omene ‘mbruonde.

 

Sott-a sta crausce nu stome sechìure

ce cadene stizze nan avaje paghìure

stizze de sanghe ‘ngudde avaje

e la paghiu s’allundanaje.

 

Ere u Criste murte ‘nnociènde

pe salvò la povera giènde;

ma da chèra dèje

agghjè fède a Dèje,

 

e quann’è timbe de paghìure

me strènge a Criste, è stòche sechìure.

 

Il vero rifugio

Scappa amico che ci bombardano

vieni insieme e rifugiamoci

ma dove vai, dove vuoi andare

se tutto il mondo è una pazzia?

 

Conosco un posto sicuro

vieni con me, non aver paura

questo mi porta su un monte

dove stava una croce con un uomo inchiodato.

 

Sotto questa croce siamo sicuri

se cadono gocce, non aver paura

quelle gocce di sangue che aveva addosso

facevano allontanare la paura.

Era Gesù morto innocente

per salvare la povera gente

ma da quel giorno

ho fede in Dio

 

e quando vi sono momenti di paura

mi stringo a Lui e sono sicuro.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome