TECNOSWITCH SPALLE AL MURO, MA NON E’ ANCORA FINITA

La testa china e gli occhi lucidi: così, gli atleti del Blacks Faenza hanno vissuto il minuto disilenzio che ha preceduto la prima delle due gare valide per i play off di basket verso la A2 e che è in corso contro la Tecnoswitch Ruvo nel Palacolombo di Ruvo di Puglia. È stata la Lega Nazionale Pallacanestro a modificare il calendario in accordo con le due società dopo l’ondata di maltempo che ha colpito l’Emilia Romagna. I dirigenti e i giocatori della Tecnoswitch hanno deciso di destinare parte dell’incasso delle due partite a sostegno delle popolazioni colpite dall’alluvione e insieme stiamo organizzando per l’occasione anche una raccolta di fondi.
Sul campo vince la Raggisolaris Faenza e lo fa solo nel finale con il punteggio di 68-75.Faenza strepitosa nell’approcciare bene la gara e portarsi subito sul +13. Tecnoswitch che è abile a ricucire lo strappo ma sbaglia troppo piedi per terra. Annullata la tensione, i ruvesi cuciono lo strappo ma inevitabilmente risentono della stanchezza sul finire di secondo quarto. La squadra di coach Garelli tira meno rispetto a gara-1 ma è estremamente letale chiudendo il primo tempo avanti di quattro, 33-37. Poi cominciano i problemi per la rotazioni di coach Campanella. Si fa male Toniato, si gravano di quattro falli Ammannato, Ghersetti e Gatto. I ruvesi fanno quel che possono, ma dall’altra parte hanno una squadra più lunga nelle rotazioni, fisicamente più forti e con motivazioni raddoppiato per quello che stanno vivendo. Scappa via, trovando importanti tiri da 3 e con Poggi che manda fuori dalla partita Ammannato per falli: in totale dal perimetro farà 12/27.
Scappa via sul +10 con la tripla di Vico sul 65-55. Il controbreak di Ruvo è fatto di voglia, di intensità, di grande vibrazioni provenienti dal pubblico. La bomba di Burini fa 11-1 e vale il 66-66 a 1’ dalla fine. Chi la decide? Una bomba di Petrucci dall’angolo, una magia di Vico: chapeau Faenza, lacrime agli occhi e serie sul 2-0.
Martedì alle 21.00 sarà gara-3: la Tecnoswitch è chiamata all’ultima reazione d’orgoglio. “Dedica alla Romagna”, commenta coach Garelli della Raggisolaris Faenza. “In 61 anni di vita non mi è capitato mai nulla di quello che ho visto in questi giorni. Non ci siamo mai allenati, perché impegnati a fare altro, sono orgoglioso dei miei ragazzi”. “Non è assolutamente chiusa – replica coach Campanella – con tutto quello che abbiamo dobbiamo entrare in campo e dire la nostra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: