OLTRE 300 ATLETI AL PRIMO “WINTER ECO-TRAIL” NEL PARCO NAZIONALE DELL’ALTA MURGIA

Grande partecipazione di atleti all’Alta Murgia National Park Ecotrail, un percorso completamente in natura per 15 km con partenza da Ruvo di Puglia, nel cuore del Parco dell’Alta Murgia. Si è aggiudicato la gara Marco Barbuscio (Asd CorriCastrovillari). Tra i partecipanti anche Stefano Petranca, atleta non vedente.

Dopo il successo delle prime due edizioni, il Parco Nazionale dell’Alta Murgia ha ospitato anche quest’anno in località Torre dei Guardiani, nell’agro ruvese, l’Alta Murgia National Park EcoTrail (AMET), la prima gara podistica nazionale di corsa di montagna in area protetta, che è tornata con una speciale ed inedita “Winter Edition” dal sapore prefestivo.

Novità davvero esclusiva è che per la prima volta la Puglia ha aperto ad una manifestazione di gara podistica in natura nel periodo invernale.

Una gara outdoor all’interno di una delle zone più rappresentative ed affascinanti della Puglia: un percorso completamente in natura che si si è sviluppato per circa 15 km con una pendenza positiva di 300m.

Ad aggiudicarsi la gara l’atleta calabrese Marco Barbuscio (Asd CorriCastrovillari) con il tempo di 52’ e 16’’; secondo posto sul podio per Michele Laurieri (Amatori Atl. Acquaviva) con 52’ e 53’’, mentre al terzo posto Gianpiero Bianco (A.S. Dof Amatori Turi) con il tempo di 54’ e 22’’.

Tra i partecipanti all’Alta Murgia National Park EcoTrail anche Stefano Petrancaatleta non vedente.

L’EcoTrail, organizzato dall’Ente Parco Nazionale dell’Alta Murgia e dall’ASD Gravina Festina Lente, associazione sportiva organizzatrice del Trail delle 5 Querce di Gravina in Puglia, ha confermato le attese, portando nel Parco dell’Alta Murgia oltre 300 atleti da tutto il Sud Italia, a conferma dell’unicità del percorso che tutelerà la flora e la fauna dell’Alta Murgia dall’impatto antropico.

Un’occasione importante anche per la promozione del territorio: se nelle precedenti due edizioni autunnali si è potuto ammirare il foliage di bosco Scoparella e le tipiche forme di vita autunnali, dal zafferanastro al pullulare del regno dei funghi, la versione invernale ha offerto agli atleti lo spettacolo naturalistico dell’Alta Murgia nel periodo freddo. Infatti in questo periodo l’altipiano dell’Alta Murgia, non solo raggiunge temperature che solitamente in Puglia non sono contemplate, ma la natura regala molte altre sorprese.

Il vero protagonista dell’evento, quindi, è stato l’ambiente: niente bottigliette di plastica o altri rifiuti lungo i percorsi, con gli atleti che hanno partecipato in regime di autosufficienza, e un regolamento di gara severissimo ha tutelato la flora e la fauna dell’Alta Murgia.

Come per le precedenti manifestazioni sportive organizzate dall’ASD Festina Lente, anche l’AMET  ha aderito alla campagna “Io non getto i miei rifiuti” promossa dalla rivista leader del settore “Spirito Trail”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: