LA REGIONE PUGLIA ENTRA NEL NETWORK “COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA”

La Regione Puglia è nel Network nazionale dei Comuni Amici della Famiglia

C’è anche la Regione Puglia, da alcuni giorni, fra i soggetti che hanno aderito al Network nazionale dei Comuni Amici della Famiglia, nato nell’ottobre 2017 per volontà dell’Agenzia provinciale per la Famiglia, natalità e politiche giovanili, con la collaborazione del Comune di Alghero e dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose.
Sono ormai alcuni anni che la Regione Puglia guarda con interesse alle politiche rivolte alla famiglia portate avanti in Trentino: è del 2012 il gemellaggio per sviluppare sul territorio pugliese il modello trentino del Distretto famiglia, favorendo lo scambio di know how e di buone pratiche per il benessere familiare; al gemellaggio sono seguiti scambi e visite reciproche che hanno portato all’adozione del marchio “Puglia loves family” nel 2017 e quindi alla promozione dello standard del Family Audit sul territorio regionale, reso possibile da un accordo con l’Agenzia provinciale per la Famiglia e il Dipartimento per la Famiglia.

Con l’adesione della Regione Puglia al Network dei Comuni Amici della Famiglia si completa un percorso virtuoso, che punta a sviluppare in Puglia il modello family del Trentino, dove ormai vi sono oltre 500 organizzazioni – associazioni sportive, musei, pubblici esercizi, trasporti – a Marchio Family, ovvero in grado di offrire servizi specifici alle famiglie. Il Network, che ad oggi riunisce quasi cinquanta soggetti interessati a promuovere in Italia le politiche family friendly, si pone come un moltiplicatore di risorse e di scambi di informazioni, esperienze e idee a livello di politiche per la famiglia. Obiettivo, diffondere sul territorio nazionale una cultura promozionale e non socio-assistenziale della famiglia, collaborando e sostenendo altre amministrazioni locali che intendono introdurre politiche familiari innovative. 
Il secondo passo, dopo l’adesione al Network, è acquisire appunto il marchio “Comune amico della famiglia”. Il marchio, a differenza del Network che ha piuttosto finalità aggregative e di confronto e scambio di reciproche esperienze, è invece più operativo e contraddistingue l’impegno concreto a favore delle famiglie preso dalle singole amministrazioni comunali. Il “Comune amico della famiglia” deve infatti soddisfare precisi requisiti che riguardano nello specifico: programmazione e verifica, servizi alle famiglie, tariffe, ambiente e qualità della vita, comunicazione. A seguito di una pianificazione e programmazione delle azioni da intraprendere, deve redigere un Piano delle attività che sia tangibile e valutabile a posteriori.
Accanto al Network nazionale vi è poi quello europeo, nato la scorsa estate di cui sono in fase di definizione gli standard di adesione; al Network europeo hanno manifestato interesse comuni provenienti da Spagna, Portogallo, Germania, Serbia, Croazia, Albania, Francia, Ungheria, Lettonia e Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: