Home Regione La festa e il tradizionale concerto in onore di Maria SS. del...

La festa e il tradizionale concerto in onore di Maria SS. del Rosario di Pompei

875

Le celebrazioni per la festa della Madonna del Rosario hanno preso il via nella chiesa di San Domenico. Devozione diffusa a Ruvo di Puglia sin dall’antichità, quella dedicata a Maria SS. del Rosario, che prevede ogni anno una serie di riti e festeggiamenti in onore della Madonna. Il culto alla Vergine che porge il rosario a S. Domenico e S. Caterina è molto sentito nella chiesa dedicata proprio al santo fondatore dell’Ordine dei Domenicani, eretta sul luogo che ospitava l’antico Convento del Rosario.


La Vergine è rappresentata nella grande pala datata 1604 di Alonso de Corduba, famoso pittore forse spagnolo e immigrato in Puglia. La Vergine col Bambino in trono è circondata da angioletti che lanciano petali e fiori sulla veste della Madonna mentre ai piedi di una breve scalinata troviamo S. Domenico e S. Caterina da Siena in adorazione e rappresentati nell’atto di ricevere i rosari dal Bambino il primo e dalla Vergine l’altro. Completano la scena Papa Pio V e l’imperatore Filippo II, alle spalle di S. Domenico, Anna d’Austria, moglie dell’imperatore, e Eleonora, madre dello stesso, alle spalle di S. Caterina mentre in basso, sull’ultimo scalino, è rappresentata l’arma del committente. I padri Predicatori, infatti, col dipinto tennero fede alla disposizione testamentaria di Fabrizio de Amato, gravinese, che legò 100 marchi per l’esecuzione della pala d’altare.

Nell’Ottocento, visto il mutato indirizzo devozionale, si dirottò il culto della Vergine sulla statuaria, con la presenza nella Chiesa di un simulacro vestito. Nel 1897 venne acquistato dal leccese Giuseppe Manzo, il nuovo gruppo statuario, realizzato seguendo il quadro della Madonna del Rosario di Pompei.

Nello stesso anno, però, si pose il problema della collocazione dello stesso e la commissione incaricata, come si può rilevare da un carteggio conservato negli archivi della Confraternita della Purificazione Addolorata, dopo un’attenta analisi degli spazi della Chiesa, decise di porre il gruppo statuario nella ormai ex Cappella della Madonna delle Grazie e, con il contributo di alcune notabili famiglie ruvesi come i Chieco, i de Rosellis, i Cotugno, i Gramegna, i Milani e i Fucilli, si avviò la costruzione, secondo il progetto dell’ing. Boccuzzi, di un elegante altare in marmo sul quale porre la nuova composizione rappresentante la Vergine del Rosario. Risalgono proprio alla fine dell’ottocento – inizio novecento, le prime testimonianze dell’organizzazione di una festa esterna dedicata alla Vergine che, tradizionalmente, viene portata in processione a chiusura del mese a lei dedicato.

Quest’anno il programma della festa, predisposto dal presidente dell’associazione dedicata alla Madonna del Rosario, Giacomo Ciliberti, e dal parroco don Vincenzo Speranza, prevede per tutto il mese di ottobre la recitazione del Santo Rosario alle 8 e alle 18.45 e la messa alle 8.30 e alle 19.15.

Giovedì 17 ottobre alle 20.30 il tradizionale concerto in onore della Vergine del Rosario a cura dell’orchestra di fiati Basilio Giandonato diretta dal maestro Rocco Di Rella, con la partecipazione del soprano Lucia De Bari.

Il consolidato appuntamento musicale, si realizza nell’ambito delle attività promosse dall’Associazione Maria SS. del Rosario di Pompei, impegnata nella Comunità Parrocchiale di S. Domenico di Ruvo. Le composizioni musicali che si eseguono spaziano da brani della tradizione classica a quelli di musica sacra per onorare la Madonna. In particolare, verranno eseguiti due brani inediti di musica e testo, dedicati e donati all’Associazione e alla Statua della Madonna del Rosario da Rocco Di Rella. I titoli delle composizioni sono Ave Maria Gratia Plena e Maria SS. del Rosario di Pompei.

Venerdì 18 ottobre, alle ore 20.00, si terrà in chiesa la veglia missionaria. Domenica 20 ottobre un momento di festa vedrà la celebrazione eucaristica per il cinquantesimo anniversario sacerdotale di Padre Giuseppe Ciliberti e in serata la consueta Sagra della Castagna con la XXII edizione di “Castagne in Festa” con la partecipazione di musici e sbandieratori dell’associazione “Musican Talos” diretta dal maestro Simone Salvatorelli e della scuola di ballo “Hollywood dance”.

Dal 21 al 23 ottobre appuntamento con le cosiddette Quarantore. Alle 8 rosario e alle 8.30 messa con solenne esposizione del Santissimo. Sabato 26 ottobre la solenne processione della venerata effige di Maria SS. del Rosario accompagnata dal concerto bandistico Basilio Giandonato. Domenica 27 ottobre alle 18 rosario, alle 18.30 la Santa Messa di ringraziamento presieduta dal vescovo diocesano Mons. Domenico Cornacchia.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome