Home Cultura “Genius Luci”, la nuova edizione di Luci e Suoni d’Artista verso un...

“Genius Luci”, la nuova edizione di Luci e Suoni d’Artista verso un nuovo spirito di comunità

742

Leonardo Da Vinci, pittore e scultore, inventore e sognatore, il genio di tutti i tempi. Ruota attorno alla sua figura misteriosa e immortale e a quella di altri geni della storia, la quarta e nuovissima edizione di “Luci e Suoni d’Artista”, il progetto dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Ruvo di Puglia, avviato nel 2016 in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Sociali.


Ieri sera, giovedì 24 ottobre, si è svolto, nella sede del Coworking in via Martiri delle Foibe a Ruvo di Puglia, un incontro pubblico, di presentazione del progetto, aperto all’intera cittadinanza. Il clima di festa si è avvertito già grazie alla condivisione delle mille idee che hanno accolto il consenso dei molti ruvesi presenti, pronti a partecipare in prima persona ai laboratori di produzione delle nuove opere e al restauro di quelle delle edizioni precedenti.

Presente lo staff del progetto con il sindaco Pasquale Chieco, l’assessora alla Cultura Monica Filograno, l’assessora alle Politiche Sociali Monica Montaruli e il direttore Vittorio Palumbo. Con voce unanime è stato esposto l’intento e il sottile significato di questa nuova edizione che prende il nome di “Genius Luci”. Con Leonardo Da Vinci, uno straordinario fil rouge collegherà le idee e le azioni di diversi geni della storia, come il designer Bruno Munari e l’indiscusso Italo Calvino. Così, attraverso invenzioni, “macchine inutili” e “città invisibili” sarà possibile camminare e forse anche volare verso la possibilità di costruire nuovi mondi e connettere realtà apparentemente differenti ma tanto simili. «Abbiamo immaginato un incontro tra Da Vinci e Munari e abbiamo pensato a questa nuova edizione come un’occasione per far uscire il genio che è in noi», specifica Palumbo. I laboratori, infatti, saranno l’occasione per scoprire se la genialità è insita in tutti o solo in pochi eletti.

L’assessora Filograno ha poi introdotto il programma dei molteplici laboratori che vedranno la collaborazione volontaria di un gruppo di persone che cresce di anno in anno. Ed è anche dalle idee dei volontari che nascono variazioni in corso d’opera che contribuiscono a plasmare un ambiente positivo di creazione partecipata. Prende la parola il coordinatore dei laboratori, Ivan Iosca che, con un filo di emozione, racconta l’atmosfera che si respira all’interno delle “officine” di “Luci e Suoni d’Artista” presentando le novità di quest’edizione che vedrà sulla scena workshop dedicati alla cartapesta e alla scrittura creativa. Presente anche il cartapestaio Deni Bianco, vincitore del primo premio per il miglior carro di Putignano, che vede Ruvo di Puglia come una bella comunità aperta e sempre pronta a mettersi in discussione. Tutti i laboratori avranno inizio il 4 novembre presso l’opposite, l’ufficio di fronte alla sede del Coworking e all’interno di un capannone messo a disposizione da un privato per le opere di falegnameria.

A concludere gli interventi, il sindaco Pasquale Chieco che parla di impegno e della preziosità del tempo. «Luci e Suoni d’Artista ha un significato profondo e determinante, quello del bene comune», afferma Chieco che, in poche ed essenziali parole, contagia i presenti costruendo già quel senso di comunità che intende realizzare. L’importanza dei rapporti umani, degli sguardi che si incrociano, delle mani che collaborano durante l’intero progetto significa mettersi insieme e, gratuitamente e nel segno del dono, sentirsi sempre più simili e vicini. «Io quando mi sento così spacco il mondo», conclude, lasciando spazio sullo schermo a una dedica sonora di buon auspicio che accompagnerà i viaggiatori di questa nave al di là dell’amore.

Il progetto quest’anno nasce dalla convinzione che cinquecento anni dalla morte di Leonardo Da Vinci non hanno ancora separato l’umanità dalla volontà di scoprire il mondo, di inventare e di costruire, di migliorare e di apprezzare le mille risorse della natura. È così che Leonardo, Calvino, Munari, Brunori, possono entusiasmare nuovi sognatori, ponendoli di fronte alla capacità di inventare.

L’obiettivo della nuova edizione di Lucie e Suoni d’Artista volge proprio verso la volontà di affacciarsi alla scoperta, ancora con lo sguardo di un bambino meravigliato e col coraggio e l’audacia degli anni trascorsi. La speranza è quella di poter raggiungere, attraverso il nuovo tema, tutta la comunità, con la consapevolezza che solo partendo dal genio individuale è possibile generare il genio collettivo e dunque lo spirito di una comunità sempre più unita.

 

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome