Home Attualità Gelate 2018, Chieco: «Notizie positive per i nostri agricoltori»

Gelate 2018, Chieco: «Notizie positive per i nostri agricoltori»

70

Giovedì mattina in Prefettura a Bari si è svolto l’incontro operativo con il ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, l’assessore regionale alle politiche agricole Leonardo Di Gioia, i Sindaci di Puglia (ANCI Puglia) – tra loro il sindaco Pasquale Chieco – e i rappresentanti dei Gilet Arancioni, delle imprese agricole del territorio e delle associazioni sindacali di settore: al centro del tavolo il tema dei ristori per i danni causati dalle gelate alle colture pugliesi.

«Ci sono notizie positive per i nostri agricoltori – scrive il primo cittadino dal profilo istituzionale –  a cominciare dalla prossima conversione del decreto legge che, oltre a varie disposizioni, contiene uno stanziamento per calamità naturali che in gran parte (20 milioni) il ministro intende destinare all’indennizzo dei danni da gelata. A ciò vanno poi aggiunte le risorse che la Regione Puglia intende mettere in campo. Parliamo di 30 milioni provenienti dal Patto per la Puglia a cui potrebbero aggiungersi ulteriori 50 milioni provenienti dall’avanzo di amministrazione della Regione la cui disponibilità passa però da un’apposita norma di legge che Regione e Ministro hanno chiesto di inserire nel decreto in via di conversione.

Anche sul fronte xylella ci sono notizie confortanti su più fronti.

Nel complesso ho potuto constatare un clima estremamente costruttivo e collaborativo tra i diversi livelli istituzionali, dal Governo alla Regione alle parti sociali fino a noi Sindaci, per individuare soluzioni concrete nell’interesse dell’agricoltura pugliese che, si è detto a più voci, non ha colori politici. Ognuno di noi è impegnato a fare la propria parte per dare le risposte necessarie ad affrontare questo momento così drammatico per la nostra economia con tutti i gravi risvolti sociali che porta con sé».

Stessa speranza è nutrita anche da Emiliano il quale  ha dichiarato che la riunione è stata molto importante, perché ha mostrato l’unità della Puglia di fronte alle due catastrofi delle gelate e della xylella, che hanno abbattuto del 60 % la capacità produttiva olivicola del territorio.

Per il Presidente della Regione, il Ministro è stato particolarmente attento a svolgere queste due riunioni di lavoro – a Bari e l’altra a Lecce – per limare tutti i possibili emendamenti da inserire nel decreto, in modo tale da consentire al Parlamento di dare vita a quelle norme che sono necessarie per accelerare da un lato gli abbattimenti delle piante infette o comunque che devono essere abbattute secondo gli indirizzi dell’Unione europea, e dall’altra parte per consentire i re-impianti, perché nel decreto è contenuta una strategia di ricostruzione del paesaggio del Salento che per la Regione è importantissima.

Nel decreto sono contenute quelle norme che devono consentire il risarcimento dei danni della parte più importante della olivicoltura italiana, proprio dal punto di vista del fatturato.

Quindi il decreto ha dentro di sé due elementi fondamentali: ricostruzione del paesaggio nel Salento e della capacità produttiva olivicola e la verifica del danno subito nelle altre zone dalle gelate, sperando che non si tratti, anche in questo caso, di un danno che pregiudica in modo permanente la capacità produttiva.

Perché, come ha spiegato il Presidente della Regione, non si conoscono ancora gli effetti della gelata, se si sono consumati oppure se c’è qualche danno permanente.

In questo caso, le somme immaginate dal ministro aumenteranno e dovranno sostenere la ricostruzione degli oliveti della Puglia, da Sud a Nord.

La situazione è davvero drammatica, ma il Presidente ha ribadito che viene affrontata assieme all’Italia: questa è l’olivicoltura più importante d’Italia, l’olio è la base della identità nazionale, della filiera agroalimentare tra le più rilevanti del mondo, della cucina mediterranea che è patrimonio della umanità.

(Foto © Sindaco Pasquale Chieco Facebook)

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome