Dopo le vigne recise di Bruno Vespa, tocca ai Giardini di Pomona di Cisternino: incendiati! Richiesto intervento del Prefetto

“Inqualificabile e infame atto che vanifica il lavoro di un imprenditore agricolo illuminato e ferisce un territorio di straordinaria bellezza. L’incendio che ha distrutto il ‘concerto’ di biodiversità dei Giardini di Pomona è inaccettabile ed è solo l’ultimo di una lunga serie di attentati al patrimonio agricolo provinciale. Chiediamo al Prefetto di Brindisi un incontro urgente perché ormai la vita degli agricoltori nelle aree rurali è divenuta impossibile. Siamo quotidianamente in balia di ignoti che distruggono, saccheggiano e frustrano il lavoro della sana imprenditoria agricola rurale”.

E’ la dura denuncia del Presidente della Coldiretti Brindisi, Sergio Botrugno, alla notizia dell’incendio appiccato ai danni del ‘Conservatorio botanico I Giardini di Pomona’ in Valle d’Itria che ha arrecato un danno irreparabile alle oltre 300 delle 1000 specie di piante – anche introvabili e provenienti da tutto il mondo – messe a dimora su dieci ettari, condotti con metodo biologico.

“Siamo vicini e ci mettiamo a completa disposizione del Presidente dei Giardini di Pomona, Paolo Belloni – incalza il Direttore di Coldiretti Brindisi, Aldo De Sarioche con tanta dedizione e sacrificio ha creato un serbatoio di bellezza a Cisternino. Non è più rinviabile l’istituzione di una cabina di regia delle forze dell’ordine, un sistema interforze che affronti in maniera strategica, ferma e dura la criminalità nelle campagne. I reati contro il patrimonio (furto, abigeato, usura, danneggiamento, pascolo abusivo, estorsione, ecc.) rappresentano la “porta di ingresso principale” della malavita organizzata e spicciola nella vita dell’imprenditore e nella regolare conduzione aziendale”.

E’ un evento che segue al grave atto intimidatorio perpetrato nei confronti di Bruno Vespa, proprietario di un vigneto e di una masseria a Lizzano (Taranto).

Tali atti, dietro i quali si potrebbe nascondere la criminalità organizzata, sono un grave affronto e al lavoro degli agricoltori e all’economia pugliese.

(Nella foto in evidenza, una zona dei Giardini di Pomona prima della loro distruzione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: