CANTINE PIENE NON RITIRANO UVA DA TAVOLA

Il caro energia si trasferisce a valanga nel bicchiere con l’esplosione dei costi di produzione delle cantine che producono succhi di frutta lievitati del +300%, mentre le cisterne ancora piene del succo dell’anno scorso con il mancato ritiro di uva da tavola utile all’estrazione ed il capitombolo dei prezzi che crollano fino a 5/7 centesimi al chilogrammo. E’ quanto emerge dall’analisi di Coldiretti Puglia, rispetto allo scenario critico che stanno convivendo le cantine e i produttori di uva da tavola, aggravato dal crollo dei consumi dei succhi di frutta anche per i prezzi sui banchi di vendita aumentati del +10,5%.

A pagare il conto più salato è l’anello più debole della filiera, con i prodottiti di uva da tavola su cui pesano i costi di produzione di campi e vigneti che – sottolinea Coldiretti Puglia – vanno dal +170% dei concimi al +129% per il gasolio fino al +300% delle bollette per pompare l’acqua per l’irrigare i raccolti ma il caro energia e la mancanza di materia prime si fanno sentire lungo tutta la filiera – spiega Coldiretti – insieme all’aumento di costi per imballaggi, bancali, contenitori di plastica, vetro, metallo, etichette e tappi. Costi indiretti che – evidenzia Coldiretti – vanno dal vetro rincarato di oltre il 30% in più rispetto allo scorso anno, al tetrapack con un incremento del 15%, dal +35% delle etichette al +45% per il cartone, dal +10% costi per le lattine, fino ad arrivare al +70% per la plastica, secondo l’analisi Coldiretti, una situazione che è destinata a peggiorare ulteriormente in autunno.

L’effetto è già tangibile, perché In controtendenza rispetto all’andamento generale dell’intera economia, il valore aggiunto cala solo per l’agricoltura e la pesca per effetto della siccità e dell’esplosione dei costi di produzione, dall’energia ai fertilizzanti, dalle macchine fino agli imballaggi. In questo contesto – sottolinea la Coldiretti regionale – l’agricoltura è l’unico settore a far registrare un risultato negativo con un calo dell’1,1% rispetto al trimestre precedente e dello 0,7% rispetto all’anno precedente.

Non c’è tempo da perdere quando più di 1 azienda agricola su 10 (13%) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività ma ben oltre 1/3 del totale (34%) si trova comunque costretta in questo momento a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dei rincari, mentre 440mila famiglie in Puglia sono a rischio povertà e rappresentano la punta dell’iceberg delle difficoltà in cui rischia di trovarsi un numero crescente di famiglie a causa dell’inflazione spinta dal carrello della spesa per i costi energetici e alimentari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: