Home Attualità VITO DI VITTORIO SCRIVE A RUVESI.IT: “SITUAZIONE DI DEGRADO NELLA NOSTRA CITTA'”

VITO DI VITTORIO SCRIVE A RUVESI.IT: “SITUAZIONE DI DEGRADO NELLA NOSTRA CITTA'”

886

Riceviamo e pubblichiamo lettera di Vito Di Vittorio indirizzata a Paolo Pinto, direttore di ruvesi.it. Che sia motivo di riflessione per tutti e non di sterile polemica.

Pregiatissimo Direttore,
sono a scriverti per denunciare lo stato di degrado completo in cui la mia Città sta versando, oramai da tempo.
Come ben conoscerai  i fatti, viste le innumerevoli volte nelle quali vieni interessato da molti di noi Cittadini sulle questioni del decoro urbano, la nostra Ruvo è vittima di una Amministrazione oramai in preda a convulsioni politiche interne al loro staff che purtroppo si realizzano nello stato di abbandono e di inerzia che è sotto gli occhi di tutti.
A nulla valgono più le segnalazioni che quasi quotidianamente siamo costretti in tanti a scrivere, sui social, alle mail dei diretti interessati, direttamente, attraverso le richieste scritte agli uffici preposti.
Per quanto inusuale e poco piacevole,  per qualche tempo, ci si era sostituiti persino agli organi preposti al controllo e alla sicurezza dei luoghi comuni; spesso interessando consiglieri e assessori che si erano dichiarati vicini alla Città e che ora invece sembrano tristemente scomparsi.
Lo stato di abbandono, la rabbia per la cecità e la sordità di chi è a governo locale sta portandoci ad un grado di esasperazione tale che adesso si assiste anche ad episodi che minano l’integrità delle stesse persone. Molti di noi ricordano la reazione del Sindaco nei confronti di un cittadino che si lamentava del suo operato in Piazza Le Monache durante la conferenza cittadina per lo ztl. Una brutta reazione che non ci rende onore, ma tant’è.
Fino ad ieri, si era costretti a segnalare, noi, semplici cittadini, le criticità del nostro Comune, sostituendoci a Polizia e Amministrazione, ma almeno in questi ultimi trovavamo una sorta di collaborazione. Adesso tutto si è fermato, tutto tranne la tassazione, sempre più solerte, sempre più attiva, ma certamente mal digerita.
In data 10/06 c.a., dopo aver denunciato più volte sulla mia bacheca personale della questione sterpaglie in zona comparto K ( Liceo-Campo sportivo Comunale ),  situazione pericolosissima, soprattutto per  l’estensione dell’area interessata dall’erba secca, ho inviato una segnalazione-esposto al Sindaco e al Comandante della Locale Polizia.
Giovedì scorso, in occasione dell’incontro cittadino per la questione ztl, ribadii ad entrambi della cosa e lo stesso Comandante mi rassicurò che la questione era stata presa in carico. Ad oggi nulla di fatto e con temperature che superano durante le ore di sole i 35°C, per calare di poco solo durante la notte.  Solo ieri e per colpa della mancata manutenzione delle strade e delle aree verdi, abbiamo avuto un bruttissimo incidente all’incrocio tra Via Madonna delle Grazie e Via Cristoforo Colombo. Erba spontanea e siepi non potate non permettevano una ottimale visibilità. Sarà poi stata una coincidenza, ma oggi quel luogo è stato riordinato. Ma anche un locale deposito di cassoni che servono per il deposito delle olive ha preso fuoco per cause non ancora conosciute, ma che si assoggettano a delle sterpaglie incendiate. L’odore acre di diossina e il fumo nero come la pece e stato il risultato di tutto ciò.
A questo aggiungerei i costi sopportati per dall’intervento dei pompieri per  lo spegnimento del rogo.
Carissimo Paolo, mi spiace di essere stato prolisso, ma sia la tua penna motivo di riflessione per chi ha realizzato il sacco di Ruvo, che abbia la Dignità che serve per dire basta a questo stato di cose che sta mandando a picco la nostra fu bella città, mentre un violino suona nella piazza del nostro Paese.

 

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome