CHIECO PROCLAMATO SINDACO: “A LAVORO, SIAMO PRONTI”

Sullo sfondo dell’ex tribunale di Ruvo di Puglia, attualmente sede degli uffici comunali, nella serata di martedì 26 ottobre si è tenuta la proclamazione del rieletto sindaco Pasquale Chieco.

La vittoria al ballottaggio dello scorso 17 e 18 ottobre ha reso possibile, al primo cittadino, di indossare per la seconda volta la fascia tricolore. Eppure l’emozione non si è fatta mancare: “Credevo di essere abituato” dice Chieco dinanzi ai cittadini radunati.

Le parole del primo cittadino

“La seconda volta è diverso. La prima è stata un’esperienza che sapevo complessa ma mai avevo pensato di affrontare la sfida del secolo – dice Chieco, riferendosi alla pandemia – La prima volta abbiamo iniziato con gradualità ma con grande determinazione con una squadra straordinaria“. Nomina, per tanto, gli assessori che gli sono stati affianco nella precedente amministrazione: Rocco Marone per il risanamento di bilancio, Nicola Giordano peri i progressi del piano urbanistico, Monica Filograno per la cultura, lo sport e le politiche giovanili, definite da Chieco come “uno dei grandi motori di innovazione”. E poi Monica Montarli, “straordinaria interprete del welfare” e, ancora, l’impegno di Luciana di Bisceglie e Francesco Stolfa. “Una squadra con alte professionalità – riferisce il primo cittadino  – che ha messo il sapere a disposizione della città”.

Uno sguardo indietro, quello di Chieco, non solo verso i passati 5 anni ma anche verso le ultime settimane che lo hanno visto rieleggere alla carica di sindaco. “Mi emoziono e mi inorgoglisco – dice – perché rappresentare la città con onore e dignità mi dà tanto orgoglio. Un impegno serio, competente al servizio della città che i cittadini hanno premiato“. Poi il futuro: “Se fossimo stati in un periodo storico normale ora avremmo vissuto di rendita con quello che abbiamo accomunato negli anni trascorsi, invece ci aspettano 5 anni straordinari, gli stessi che ci proietteranno nei prossimi 20“.

Cita i progetti in atto e in cantiere nell’ambito dei fondi del PNRR e conclude: “Non mi sento solo ma parte di un gruppo che mi ha spinto a questa soluzione positiva, che è ansioso di caricarsi di responsabilità per la città, con lo spirito fatto di voglia di impegnarsi, di sognare. Sognare è anche bello. Coltivare sogni è un modo per segnare i progetti. A lavoro, siamo pronti“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: