185.540 EURO AL COMUNE PER FINANZIARE LE ATTIVITÀ DELLA CITTÀ EDUCANTE

Con un punteggio di 89 su 100, il progetto “Lego: costruiamo insieme la casa, la famiglia, la città” del Comune di Ruvo di Puglia si è classificato al quinto posto, ad appena due punti dal primo, nella graduatoria dei soli 24 progetti finanziati in tutta Italia dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche della Famiglia, nell’ambito del Avviso Pubblico “Educare in Comune – Area A – Famiglia come risorsa” che finanzia interventi per il contrasto della povertà educativa e il sostegno delle opportunità culturali ed educative per infanzia e adolescenza.

Superando città capoluogo di regione e ottenendo l’intero finanziamento richiesto di 185.540 senza cofinanziamento, “Lego” sviluppa i contenuti del Patto cittadino “Educazione diffusa – Ruvo città educante” sottoscritto nel 2019 dall’Amministrazione Comunale assieme a numerose altre agenzie educative del territorio e ispiratore di tutti gli interventi dell’amministrazione Chieco sui temi dell’infanzia e dell’adolescenza.

Al centro dell’idea progettuale è il tema dell’abitare, declinato fra casa, città, relazioni personali e web.

Beneficiari delle numerose azioni progettate saranno nuclei familiari con figli tra 6 e 12 anni, in cui sono state individuate difficoltà nella cura e nell’educazione dei minori, residenti e in situazioni di ristrettezze economiche e di disagio abitativo.

L’azione 1 “Abitare la casa”, muove dalla considerazione che molto spesso le case non sono posti accoglienti per bambine e bambini: gli spazi familiari e domestici non sono idonei alle attività quotidiane dello studio e del gioco, le condizioni di vita sono problematiche, le relazioni difficili. Il progetto si propone di aiutare venti famiglie a migliorare il proprio ambiente domestico, con tutor ed educatori, ma anche con interventi strutturali, per rendere più serene le condizioni di vita e di relazione all’interno del nucleo e restituire alla casa il ruolo di luogo di formazione con interventi coprogettati con gli stessi bambini e ragazzi.

L’azione 2 “Abitare la strada”, mira a rendere gli spazi pubblici non solo luogo di incontro e di relazione, ma anche campo di formazione, di integrazione e di crescita grazie alla collaborazione con agenzie educative formali e informali; lo sport, il gioco, la partecipazione possono creare senso di appartenenza e cementare la comunità.

L’azione 3 “Abitare la relazione”, intende educare alla convivenza, al rispetto dell’altro da sé. Personale esperto sarà al lavoro sul contrasto alla discriminazione, alla violenza e agli stereotipi di genere. Questa azione prevede interventi di sostegno alla genitorialità ed esperimenti di forme di “genitorialità diffusa” e “cura diffusa dell’infanzia” da parte della comunità educante.

L’azione 4 “Abitare il digitale”, prevede invece percorsi educativi sull’uso del digitale – anche in chiave intergenerazionale – per garantire a minori e famiglie non solo lo sviluppo di abilità informatiche, ma anche una maggiore consapevolezza nell’uso della rete e la conoscenza dei pericoli legati a un uso non consapevole di social.

Il progetto è stato definito al termine di un articolato percorso di coprogettazione realizzato in collaborazione con le scuole cittadine e che ha visto il coinvolgimento diretto di famiglie, cittadini, operatori e di sessanta bambini e ragazzi coinvolti attraverso un’attività ludica di partecipazione.

Dodici i partner che affiancheranno il Comune selezionati tramite avviso pubblico: oltre a cinque scuole cittadine anche sette associazioni.

“Ho sempre ritenuto –  ha detto il sindaco Pasquale Chieco – il percorso della città educante la più importante infrastruttura immateriale messa in cantiere durante il nostro primo mandato. Una opera pubblica essenziale, che deve consentirci di contrastare alla radice i fenomeni di marginalità sociale e di illegalità e di costruire per la nostra città un futuro sereno. Ringrazio davvero per il grande impegno e la competenza specifica la consigliera Monica Montaruli (allora Assessora alle Politiche sociali), che ha coordinato in primis questa progettazione con gli uffici dell’area 6 e con l’Assessora alle Politiche di Comunità Monica Filograno. Ora daremo forza a questo slancio che le ha contraddistinte mettendo a punto tante azioni immaginate, volute e adesso possibili”.

“Da quando abbiamo iniziato a lavorarci – dichiara la consigliera Monica Montaruli – “Ruvo città educante” è stata soprattutto un’idea cui ispirare le nostre azioni quotidiane nella cura di infanzia e adolescenza, ma abbiamo lavorato sempre con pochissime risorse e contando molto sulla sensibilità, sul civismo e sulla passione del volontariato e del terzo settore cittadino. Questo è il primo finanziamento di rilievo che potremo destinare esclusivamente alle azioni concrete previste dal nostro percorso e che consentirà ora agli Assessorati al Benessere e Giustizia sociale e alle Politiche di Comunità di dare forma insieme ai nostri progetti”.

“L’idea forte resta quella di una comunità intera che si fa responsabile della salute e della formazione delle bambine e dei bambini che vivono in contesti di fragilità – dichiara l’assessora Monica Filograno. Percorsi di welfare culturale, in cui l’arte e lo sport sono strumenti di inclusione accessibili a tutti; il sostegno alla genitorialità e la cura diffusa dell’infanzia sono un’alleanza per il futuro: questi sono passi di un cammino solo. Come ci ha insegnato Danilo Dolci, per crescere bisogna essere sognati. E noi vogliamo davvero che questa comunità continui sempre a crescere e a sognarsi migliore ogni giorno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: