Cultura

Un gruppo di camminatori della Via Francigena scopre l'autentica bellezza di Ruvo di Puglia e dei ruvesi

Percorrere la via Francigena rende più ricchi. Di esperienze, vissuti, bellezza del creato, storie millenarie.

Ruvo di Puglia, situata lungo il cammino della via Francigena del Sud, che parte da Roma per giungere a Brindisi e coincide con la via Appia – Traiana, è stata il luogo dove una famiglia di camminatori, di pellegrini, ha vissuto un’esperienza sensoriale e umana intensa, raccontata sul blog “Straysteps – randagio per il mondo” nel post “Via Francigena. Giorno 59, da Corato a Bitonto”.

Nel racconto il narratore, Jack D. Toad – sul blog è scritto così – parla del nostro splendido centro storico, delle sue vie, della gente ospitale e del signor Minuccio, creatore di bellissime icone di pietra, che tutti i ruvesi conoscono e stimano.

“Quando mio figlio Paolo è arrivato in piazza mi ha detto ‘Gira lì a destra e parla con quel signore’. Mi trovo davanti un uomo che potrebbe essere mio padre, solo molto più basso. Intento a dare piccoli colpi di martello al suo scalpello per incidere in maniera divina delle tavole di marmo, che poi espone lungo la via che conduce al suo laboratorio. Mi fermo a parlare e lui si presenta “Piacere, sono Minuccio”. Racconta che lui ha sempre lavorato il marmo, prima nei cantieri e da quando è in pensione ha iniziato a scolpire dei bassorilievi in modo artistico.

20160930_092217-e1475442177323Panorami, soggetti religiosi, fiori e molto altro. Lui lo fa per piacere, non per soldi. E questo traspare dalle sue opere. Di una pulizia e di una precisione incredibile. Spiega che una volta all’ anno tiene un corso per i giovani che vogliono imparare. Crede che i giovani siano il futuro e questo gli fa onore. Osserva però che i genitori di oggi non sono più capaci di fare i genitori. Non sono più capaci di dire degli amorevoli no (usa esattamente queste parole), ma cedono di fronte ad ogni richiesta dei figli. Creando così una generazione di viziati, di persone che nella vita non si devono mai sudare niente, per poi arrivare ad avere degli adulti incapaci di fare scelte. Lo rimango ad ascoltare in assoluto silenzio. Paolino ci raggiunge sul finire delle sue parole. Dopodiché lui ci mostra altre sue piccole opere d’arte, noi rimaniamo in contemplazione.”

Queste righe presentano un ruvese mite, operoso, dal grande senso estetico ed etico. Emblema degli incontri che si possono fare andando a piedi, raggiungendo luoghi lontani osservando tutto quello che ci circonda, assaporando il tempo e lo spazio, lentamente.

Ecco perché scrivere che percorrere la via Francigena consente di scoprire nuovi tesori non è esagerato.

Ruvo di Puglia è già uno dei tesori che adornano questo percorso millenario. Ruvo di Puglia e i ruvesi.

(La foto nell’articolo è tratta dal blog straysteps.altervista.org)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!