TARI e “porta a porta”, Paparella (FI): «L’opposizione chiede Commissione consiliare d’inchiesta»

Nelle case dei ruvesi, in questi giorni, stanno arrivando le cartelle TARI e più di qualche contribuente lamenta un aumento della tassazione, nonostante Ruvo di Puglia sia il terzo comune più virtuoso dell’ARO 1 con il 75,46% di raccolta differenziata, tanto da “meritare” un’ecotassa 2018 più bassa – 5,17 euro per tonnellata – rispetto a quella dell’anno precedente (6,97 euro/t). E allora a cosa è dovuto l’aumento? 

Lo spiega il consigliere comunale di opposizione Antonello Paparella (Forza Italia) facendo alcune precisazioni e annunciando che l’opposizione ha chiesto la costituzione di una Commissione consiliare d’inchiesta sulla gestione e sui costi del “porta a porta”.

«Facciamo un po’ di chiarezza per spiegare cosa è successo – dichiara il consigliere – Questo a scanso di equivoci e per affermare con oggettività i fatti senza strumentalizzazioni ed offese da parte di alcuni nei confronti di chiunque.

Premesso che il costo della raccolta differenziata e del “porta a porta” è sicuramente superiore a quello sostenuto con un servizio indifferenziato, abbiamo come opposizione più volte evidenziato che è assolutamente impensabile che ad una maggiore percentuale di differenziata corrisponda un minor introito derivante dalla vendita del vetro, della carta, della plastica etc., etc.

“Più volte” significa in Consiglio Comunale, in Piazza con manifestazione pubblica, con note ai revisori dei conti del Comune, all’ Anac, alla Corte dei Conti… fino ad arrivare a chiedere la costituzione di una commissione d’inchiesta consiliare che verifichi e accerti i costi e le palesi anomalie.

Detto questo – per cui i vari approfondimenti sono in divenire – veniamo alle cartelle TARI di quest’anno, quelle che arriveranno in questi giorni.

Innanzitutto le tariffe del 2018 sono rimaste invariate rispetto a quelle del 2017. Ciò che determina l’aumento rispetto all’anno scorso, è la diversa applicazione della tassa sulla quota variabile della pertinenza dell’abitazione principale. Cioè, chi ha per esempio il garage o la soffitta, pagherà meno rispetto all’anno scorso, a discapito del possessore della sola abitazione senza la pertinenza, il quale pagherà in più la quota di tassa risparmiata dal possessore dell’abitazione con pertinenza. Questo perché il costo totale del servizio, come sancisce la legge, deve essere coperto al 100%. E anche perché un esponente grillino (Giuseppe L’Abbate, ndr), l’anno scorso, ha avuto la felice intuizione di porre un quesito al Ministero delle Finanze circa la giusta applicazione delle tariffe TARI per l’applicazione della quota variabile della pertinenza dell’abitazione principale. Vi ricordate la raccolta dei modelli di rimborso? Ecco! Questo è il risultato! Cioè, a fronte di qualcuno che pagherà meno e che possiede di più, ci sarà qualche altro contribuente che, pur possedendo meno (solo abitazione principale senza garage e/o soffitta) pagherà di più!».

Un pensiero su “TARI e “porta a porta”, Paparella (FI): «L’opposizione chiede Commissione consiliare d’inchiesta»

  • 19 Aprile 2018 in 10:23
    Permalink

    Si ma non è ancora chiaro il fatto dell’errore di calcolo Tari sulle pertinenze…dall’anno di ingresso della Tari il 1024…come si procede al rimborso…qualcuno del Comune ci spiega in merito….o è top secret!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: