TANTA PAURA, MA IL LESTO INTERVENTO DEI VIGILI DEL FUOCO HA EVITATO IL PEGGIO

Ruvo di Puglia si è svegliata tra nuvole di fumo e di odori acri. L’afa ha spiazzato tutti e forse messo a dura presa la resistenza della rete elettrica nella zona che conduce la città ruvese alla vicina Terlizzi. Si è evitata la tragedia grazie al tempestivo arrivo dei Vigili del Fuoco e all’intervento lesto di alcuni familiari dei protagonisti della vicenda. A partire dalle ore 8.00 nelle zone adiacenti dell’ultimo tratto di via Aldo Moro si sono udite delle piccole esplosioni. “Il Salvavita” in alcuni appartamenti ha evitato il peggio, in due appartamenti sono divampate le fiamme. In via Quintino Sella, un climatizzatore è andato in corto al terzo piano di una palazzina. Tempestivo l’arrivo dei Vigili del Fuoco del Distaccamento di Corato i quali hanno subito domato l’incendio.  A chiamarli è stata una guardia giurata di passaggio dalla zona di pericolo e rapido nell’allertare chi di dovere.  Una piccola perdita di gas ai tubi esterni del palazzo ha fatto sì che le fiamme si alimentassero. Poco dopo, è al primo piano dello stesso stabile che si teme il peggio: un’esplosione e immediatamente l’appartamento si è riempito di fiamme e fumo nero. La presenza dei Vigili del Fuoco lì sul posto ha evitato il peggio. Nell’abitazione si trova una donna anziana, salvata dall’arrivo lesto del figlio. Per lei tanto spavento, delle ustioni, ma per fortuna una vicenda che potrà raccontare. Sul posto giunge un’altra squadra di Vigili del Fuoco, stavolta dal Distaccamento di Molfetta. Tocca, poi, agli uomini del 118 di Ruvo di Puglia raggiungere la zona incriminata per prestare soccorso. Tante le palazzine e le attività commerciali che restano senza energia elettrica per diverse ore, l’Enel giunge sul posto per comprendere le origini del danno che ha scatenato un’escalation di guasti e black-out che ha paralizzato anche via Verga e le zone di viale Cristoforo Colombo, molto lontane dall’origine del problema. I dipendenti dell’azienda di energia elettrica hanno cominciato a scavare in diversi punti per cercare di risalire alla causa del problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: