STORIE DI ORDINARIA SPORCIZIA: QUELL’AMORE NEGATO VERSO GLI ANIMALI E LA NOSTRA CITTA’

Una città più pulita è una città più bella e più vivibile. La raccolta delle deiezioni dei propri animali è doverosa sia per ragioni di decoro che di igiene. Inoltre, rispettare le regole aiuta a far superare ogni forma di intolleranza verso la presenza degli amici a quattro zampe nella nostra città.

Spesso camminare per le strade italiane è una corsa ostacoli. L’amore per gli animali non è finalizzato dalla raccolta degli escrementi. C’è chi si arma di pazienza e raccoglie con tanto di paletta e sacchetto, altri approfittano della quiete cittadina per seminare “autografi” in giro per la città.

Nel percorso alla ricerca del perchè Ruvo di Puglia è divenuta più sporca occorre affrontare il discorso relativo ai bisogni degli animali lasciati in bella vista sui marciapiedi, agli angoli dei palazzi. Uno spettacolo non esaltante e di certo molto antipatico per i pedoni. Sporcizia, quindi, derivante non solo dagli errori nell’eseguire la differenziata, ma anche per questa incuria.

In tutte le città della provincia le penne degli agenti di Polizia Municipale hanno punito e sanzionato i trasgressori. La legge e il nostro regolamento comunale obbliga i proprietari degli animali alla raccolta degli escrementi. In data 16 dicembre 2016 l’opposizione ha presentato una interrogazione, il cui primo firmatario è stato il consigliere Damiano Binetti, visti gli articoli 24 (obbligo di raccolta degli escrementi), 43 (sanzioni), 44 (vigilanza) del regolamento comunale “per la tutela, il benessere degli animali e civile convivenza con i cittadini”, approvato con delibera di consiglio comunale n. 32 del 25/07/2013 che prevedono le sanzioni in caso di inosservanza. Si chiedeva il numero delle sanzioni rilevate in relazione dei suddetti articoli sin dall’approvazione del regolamento e fino al giorno dell’interrogazione.

Con nota del Direttore d’area 7 del 29\12\2016 si evince che la Polizia Locale ha eseguito opera di prevenzione ma alla data del 29/12/2016 non sono mai state elevate sanzioni, motivando “il tutto che a causa delle molteplici incombenze della Polizia Locale non è possibile allo stato attuale condurre attività di vigilanza mirata al fenomeno dell’abbandono delle deiezioni dei cani“.

Quindi i trasgressori non vengono puniti con le multe e il senso civico in diversi soggetti è assai carente. Cosa fare, dunque?

In attesa che si cominci a vigilare pesantemente anche su questo fenomeno e che, magari, venga rafforzato il numero degli agenti della Polizia Municipale, è giusto ricordare che per i trasgressori sono previste sanzioni dai 25€ ai 500€.

In attesa che le prime multe comincino a educare i trasgressori è giusto ribadire che lungo le strade principali della nostra città vi sono i bidoncini per gettare i sacchetti delle deiezioni animali. Per cui non ci sono molti alibi, nè tantomeno scusanti. Occorre civilizzarsi il prima possibile e amare di più i propri animali e la nostra Ruvo di Puglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: