Home Politica Recovery Sud, i sindaci del Mezzogiorno scrivono a Mattarella e a Draghi

Recovery Sud, i sindaci del Mezzogiorno scrivono a Mattarella e a Draghi

224

La Rete Recovery Sud, costituita da oltre 400 sindaci del Mezzogiorno, tra cui il sindaco di Ruvo, Pasquale Chieco, ha inviato una lettera  al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e al Presidente del Consiglio, Mario Draghi. 

Nella lettera, i sindaci esplicitano in modo chiaro le proprie richieste facendo presente il forte divario economico esistente con altri territori italiani. La pubblichiamo integralmente.

Affidiamo alle Vostre persone, nel ruolo di Garanti della Costituzione nonché della tenuta stessa del Paese, la presente, accorata ed inderogabile richiesta.
Vi scriviamo in qualità di donne e uomini del Mezzogiorno d’Italia, ciascuno per il proprio ruolo, ma tutti accomunati dalla grave preoccupazione che l’unica ed ultima occasione possibile, in grado di sanare definitivamente l’impietoso ed anticostituzionale divario esistente tra il Nord e il Sud della nostra Nazione, possa essere drammaticamente persa.
Il Recovery Fund assegnato all’Italia dal Next Generation EU, infatti, è stato calibrato nella sua quantificazione economica (ben 209 MLD di euro) non solo sul parametro della popolazione residente, che avrebbe comportato circa la metà delle risorse assegnate all’Italia, bensì sulla base di altri due criteri intercorrelati al primo, ossia l’inverso del PIL pro capite e tasso di disoccupazione.
Ebbene, appare di tutta ed incontrovertibile evidenza, supportata peraltro da numerosi contributi e studi già sottoposti all’attenzione del Parlamento, che sono i numeri del Mezzogiorno ad aver sostanziato quei parametri e ad aver giustificato l’ammontare complessivo delle risorse europee.
Il Recovery Fund, in altri termini, ha plasticamente fotografato il divario esistente tra Sud e Nord del Paese e ne ha compreso lucidamente l’importanza di colmarlo, per recuperare, al contempo, la distanza proporzionalmente determinatasi tra Italia e resto d’Europa, che in quello stesso divario affonda le radici più profonde.
Se tutto ciò è apparso chiaro per l’Unione europea, noi chiediamo che lo sia a maggior ragione e a buon diritto per il Governo italiano, chiamato a redigere e presentare il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.
Chiediamo, per il Vostro autorevole tramite, e come già espressamente sancito dalla Camera dei Deputati (Relazione V Commissione su Recovery Fund approvata il 12 ottobre 2020), che la straordinaria ed irripetibile quantità di risorse messe a disposizione dal Recovery Fund sia destinata ed utilizzata al fine precipuo di realizzare, finalmente, dopo decenni di obiettivi mancati, quella COESIONE SOCIALE, ECONOMICA E TERRITORIALE che renda il nostro Paese, anche in ossequio all’art. 117 della Costituzione, degno dell’Unità che la Storia ha voluto consegnarci.

Qualsivoglia diversa impostazione, artificiosamente fondata su presunte incapacità amministrative o progettuali, di cui arrivano echi preoccupanti, dovrà essere rigettata con decisione ed autorevolezza, nella ferma e piena consapevolezza che non sarebbe né costituzionale né rispettosa degli Accordi tra Unione europea e Stati membri, né, infine, delle specifiche previsioni normative alla base del Next Generation EU.

Chiediamo, Illustri Presidenti, unendoci a quanto già fatto dai Presidenti delle Regioni del Sud, che al Mezzogiorno d’Italia venga concessa finalmente l’occasione che aspetta e che merita sin dalla nascita della Nazione e che non si verifichi, ancora una volta, quanto già drammaticamente accaduto con il Piano Marshall, che vide arrivare alle Regioni del Nord i maggiori stanziamenti economici, nonostante le perdite più gravi, in termini di vite umane e di patrimonio materiale, fossero state registrate al Sud.

Chiediamo, viceversa, di valutare quanto sia più produttivo favorire lo sviluppo delle aree più arretrate del Paese e quanto di ciò possa conseguentemente beneficiare anche la parte restante. Per siffatte ragioni, riteniamo e chiediamo che oltre alla distribuzione settoriale si debba tener conto di un’equa e calibrata ripartizione territoriale, applicando gli stessi criteri UE utilizzati per determinare la cifra complessiva, spettante al nostro Paese, che tenga conto anche del principio di interdipendenza economica tra macro aree d’Italia.

Lo chiediamo, Illustri Presidenti, come mai prima d’ora, con una voce sola, univoca, senza distinzioni di appartenenza politica o territoriale ed in Voi, riponiamo la richiesta formale di un impegno scritto a garanzia di quanto sin qui rappresentato.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome