“QUADERNI DI VIAGGIO”: RACCOLTA DI SKETCH URBANI DELLA PUGLIA IN SU

Ultima sera per visitare la mostra che celebra il territorio, allestita nella piazzetta antistante l’Info Point Ruvo di Puglia in Via Vittorio Veneto, 44. La mostra, aperta al pubblico con ingresso libero, si terrà oggi lunedì 3 agosto dalle ore 19:30 alle ore 21:30.
Andare a vedere una mostra d’arte arricchisce sempre, sia a livello umano che cognitivo.
Il visitatore viene accompagnato alla scoperta, o alla riscoperta, delle tracce della storia nel paesaggio urbano ed extraurbano.
A volte sono segni macroscopici e ben noti come monumenti, musei, ville, volti, mezzi di trasporto a volte sono invece segni meno evidenti. La sequenza di immagini proposta va a comporre, nel suo insieme, una narrazione del territorio.
La mostra a cura dell’artista ruvese Marina Fabiano organizzata dalla Pro Loco UNPLI Ruvo di Puglia in collaborazione con il Comune di Ruvo di Puglia nel programma estivo dal nome “Rinascenze” è un vero e proprio “viaggio per immagini” che conduce chi osserva alla scoperta di zone suggestive del territorio sia nel tempo passato fino ai giorni nostri sia nei luoghi di Ruvo di Puglia e non solo.
È un viaggio che parte infatti dalla nostra città e attraversa alcuni comuni della Terra di Bari (Bisceglie, Molfetta e Bari) fino ad arrivare alla città di Milano.
Lo scopo è quello di porre al centro dell’attenzione l’unicità paesaggistica di quest’area territoriale; un’area da scoprire e godere lentamente dove la pietra che si presenta come un’opera d’arte, si impone al territorio in tutta la sua maestosa e dirompente bellezza. Una bellezza che è presente in questo scenario naturale un po’ ovunque, capace di raccontare una storia millenaria, quella della perfetta simbiosi tra uomo e natura.
La mostra allestita nella piazzetta antistante l’Info Point Ruvo di Puglia (Via Vittorio Veneto, 44) è aperta al pubblico con ingresso libero per l’ultima sera oggi (lunedì 3 agosto) dalle ore 19:30 alle ore 21:30.
Questa è una di quelle mostre che proprio non sarebbe da perdersi. Inoltre, se si ha l’occasione, è consigliato di tornare a vedere la mostra. La si vedrà con occhi nuovi, magari notando cose che non si erano viste la prima volta di una specifica opera e provare particolari pensieri ed emozioni, magari così forti da cadere in estasi.
A cura di Antonello Olivieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: