Home Cultura “La tartarìughe” di Mastropirro finalista in quel di Lecco

“La tartarìughe” di Mastropirro finalista in quel di Lecco

540

Trasferta poetica in quel di Lecco per il poemusico Vincenzo Mastropirro.

La sua poesia “La tartariughe”  è fra le tre finaliste del “Premio Letterario Nazionale  Galbiate – edizione 2018” organizzato dalla Biblioteca Civica “Giuseppe Panzeri” a Galbiate.

Domenica 28 ottobre, presso l’Auditorium “C. Golfari” a Galbiate (Lecco), sarà proclamato il vincitore a cui sarà assegnato un premio di 1000 euro, mentre agli altri due finalisti rispettivamente 500 euro.

Le tre liriche, su 600 opere in lingua italiana e in vernacolare, sono state scelte  dalla giuria  composta da Piero Marelli, che ne è presidente; Marco Bellini; Ivan Fedeli; Giovanni Invernizzi; Alfredo Panetta; Marco Rota e Gianfranco Scotti.

Gli altri due finalisti sono Cristina Micelli da Basiliano (UD) con “Nel corridoio quelli col foglio in mano” e Fabrizio Bregoli da Cornate d’Adda (MB) con “Nel nome del padre”.

Nella lirica  Mastropirro si identifica nella tartaruga, anelando a una riappropriazione del tempo,  assecondando il respiro della Terra, lento e incessante.

La tartarìughe

Osce so fatte cume la tartarìughe/ so prevote a sto suotte, sotta-tìérre./ U fridde è cure giuste e sènza paghiure/ me so arrevegghjòte cu la manda nirue.// Sparìésce pu’ timbe ca ‘nge vole/ pe’ po’abbevìésce e sparìèsce arrète/ linde-linde cume vole la lendìézze /linde-linde cume vole u fiote.

La tartaruga

Oggi ho fatto come la tartaruga/ ho provato a star dentro, sotto terra./ Il freddo è quello giusto e senza paura/ mi sono avvolto col mantello nero.// Sparisco per il tempo che ci vuole/ per poi rinascere e svanire nuovamente/ lentamente come vuole la lentezza/ lentamente come vuole il respiro.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome