Attualità

Intervento dell’assessore Nico Curci al primo ‘Festival delle Buone Pratiche’ a Bari

Il percorso partecipativo per la prevenzione e il contrasto delle conseguenze del gioco d’azzardo patologico attivato dall’Amministrazione Comunale è stato selezionato tra le migliori 20 buone pratiche del welfare locale della regione.

Il progetto è stato presentato dall’Assessore al Benessere e alla Giustizia Sociale del Comune Nico Curci all’interno del primo ‘Festival delle Buone Pratiche’ in programma a Bari nel Padiglione della Regione Puglia della Fiera del Levante.

Il progetto, attuato in collaborazione con la Cooperativa Oasi 2, mira a combattere il fortissimo impatto che il gioco d’azzardo ha sulle famiglie e sull’intera comunità cittadina.

“Questo riconoscimento regionale – ha detto l’assessore Curci a margine del festival – rappresenta per la nostra Amministrazione e per la rete di partner che si è raccolta attorno a questo progetto un importante incoraggiamento.

Guardando ai dati, in tutte le tipologie di azzardo legale nel 2022 gli italiani hanno speso 136 miliardi di Euro, con una crescita del 22% rispetto all’anno precedente.

Una cifra enorme se si pensa che la spesa del servizio sanitario nazionale nel 2022 si attesta a 128 miliardi di euro e che la spesa alimentare complessiva si attesta a 160 miliardi di euro.

Un peso molto gravoso dunque, che si abbatte sulla collettività: il gioco d’azzardo patologico infatti assorbe un’importante percentuale dell’economia domestica con devastanti effetti sulle disponibilità economiche personali e delle famiglie (in particolare a quelle in condizione di povertà), conseguenze negative sulla condizione lavorativa dei lavoratori giocatori e ricadute sulla condizione sociale e di salute dei soggetti coinvolti

La nostra ‘buona pratica’ – conclude l’assessore – sta proprio nell’attrezzarci per una vera e propria battaglia culturale: il gioco d’azzardo può assumere i connotati di un disturbo psichiatrico, esattamente come le dipendenze da sostanze stupefacenti o alcolemiche, e dunque va trattato allo stesso modo. Tanti i soggetti coinvolti (istituzioni, associazioni, scuole, studenti e l’intera comunità cittadina) come tanti sono i risultati conseguiti: è stato adottato un regolamento comunale, stipulato un protocollo d’intesa, istituito un osservatorio permanente oltre ai moltissimi interventi nelle scuole diretti a coinvolgere i giovani in processi educativi e di prevenzione.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!