In 5 anni tributi locali +13,8%, boom comuni +69,1%

La corsa dei tributi di regioni e comuni prosegue inarrestabile: nel 2014 le tasse locali e territoriali risultano più alte del 13,8% rispetto a 5 anni prima, passando da 93,2 miliardi di euro del 2009 a 106,1 miliardi. Se per le regioni l’incremento si è limitato al 2,3% passando da 70,5 miliardi a 72,1 miliardi, per i comuni si è registrata un’impennata del 69,1% che da 16,7 miliardi ha portato il gettito a quota 28,2 miliardi. I dati sono contenuti nelle tabelle di Bankitalia allegate all’ultima relazione annuale, ed elaborati dall’Adnkronos.
Le imposte dirette complessive sono passate da 29,7 mld del 2009 a 35,5 mld del 2014, registrando un incremento del 19,6%. Per le regioni l’incremento è del 13% (da 25,8 mld a 29,2 mld), con il peso maggiore dell’addizionale Irpef (da 8,1 mld a 11 mld) che cresce del 35,7% e le tasse automobilistiche che da 4,4 mld arrivano a 4,7 mld (+7,4%).
Mentre per i comuni l’incremento delle imposte dirette arriva addirittura al 63,9% (da 3,8 mld a 6,3 mld), con il peso più rilevante dell’addizionale Irpef, che da 2,8 mld passa a 4,4 mld (+57,9%). Sommando le addizionali Irpef degli enti locali e territoriali il gettiro complessivo è passato da 10,9 mld a 15,4 mld, con un balzo in avanti del 40,4%.
Più contenuto l’aumento delle imposte indirette, salite comunque di un numero a due cifre. Negli ultimi 5 anni sono passate da 63,5 mld a 70,6 mld, con un incremento dell’11,1%.
Quasi la metà del gettito deriva dall’Irap, l’imposta regionale sulle attività produttive, che negli ultimi anni, attraverso i tagli contenuti in diversi provvedimenti, ha registrato un calo, passando da 31,6 mld a 30,4 mld (-3,8%). Il totale delle imposte indirette delle regioni, di conseguenza, da 44,6 mld è sceso a 42,9 mld (-4%).
Per i comuni l’entrata principale è costituita dall’imposta immobiliare, che dal 2009 al 2014 è aumentata del 111,3%, passando da 8,9 mld a 19,8 mld. Complessivamente le imposte indirette dei comuni sono cresciute del 70,9% (da 12,9 mld a 22 mld).
Infine le imposte indirette delle province registrano una contrazione del 5,9% (da 4,2 mld a 4 mld); tuttavia le due voci principali di entrata sono entrambe aumentate: l’imposta sull’assicurazione rc auto è passata da 2 mld di gettito a 2,3 mld, mentre l’imposta di trascrizione da 1,2 mld a 1,3 mld.
Fonte Adnkronos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: