COLDIRETTI PUGLIA: XYLELLA,BENE REGIONE RIPRESA MONITORAGGI 2527 IN 2 MESI; FONDI DECRETO PER ESPIANTI GIA’ EFFETTUATI

“Bene ha fatto il Governatore Emiliano a chiedere una stretta su monitoraggi che sono stati eseguiti nelle tre province di Lecce, Brindisi e Taranto. Si tratta di 2527 campionamenti che aiuteranno certamente a disegnare la mappa dell’avanzata della malattia, strumento utile a disposizione di chi dovrà individuare efficaci rimedi di lotta al batterio. La Regione Puglia con il nuovo Piano anti Xylella ha inteso lanciare il messaggio chiaro all’Unione Europea che le piante nel raggio di 100 metri da alberi infetti non si toccano, perché oltre ad essere un provvedimento inaccettabile in termini di distruzione del patrimonio olivicolo con esemplari monumentali introvabili al mondo, è improponibile sul fronte dei costi economici e della tensione sociale. Per fare ciò, però, bisogna conoscere l’esatto stato dell’arte e tutto il territorio pugliese deve a questo punto essere rispettoso del percorso chiaro indicato affinché siano svolte regolarmente in campo le buone pratiche agronomiche”. E’ il commento del Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, ai numeri sui campioni prelevati e consegnati all’Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia attraverso il Consorzio di Difesa delle Produzioni di Brindisi. In merito al decreto firmato dal Ministro Martina per il riparto dei fondi, Coldiretti Puglia auspica che vengano assegnate le risorse agli imprenditori olivicoli che hanno subito l’espianto degli ulivi.

Nel dettaglio fino al 4 luglio sono stati effettuati 1033 campionamenti in provincia di Lecce, 693 a Brindisi e 801 a Taranto. E’ determinante – secondo la Coldiretti Puglia – che l’attività continui incessante, in modo da tutelare il patrimonio olivicolo dell’intera Puglia che rappresenta quasi il 40% della produzione olivicola italiana, conta un fatturato di 522 milioni di euro l’anno. Il tessuto imprenditoriale è rappresentato da 270mila imprese olivicole esistenti, pari al 22% delle aziende italiane. Anche gli oli DOP pugliesi registrano il fatturato più alto d’Italia, pari a circa 28 milioni di euro. L’olio è il terzo prodotto pugliese più esportato, per un valore di circa 106 milioni di euro, quasi il 9% dell’export di olio dall’Italia.

“Vanno al contempo messe in atto soluzioni innovative e biologiche per la lotta al vettore – continua il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – a disposizione degli agricoltori che svolgono una straordinaria azione di manutenzione e salvaguardia dell’ambiente e delle aree rurali a dimostrazione è nei numeri. In Puglia il 15% della superficie olivicola è coltivata con metodi di produzione biologica. L’olivo copre una superficie pari a circa 55.000 ettari che rappresentano il 32% del totale delle superfici bio, su un totale regionale di 171mila ettari e il 20% della produzione nazionale. In Puglia l’olio è una risorsa preziosa e l’olivo rappresenta il paesaggio, la storia, il turismo e soprattutto occupazione. Per questo Coldiretti ha organizzato il ciclo di incontri tecnici, in cui i ricercatori danno consigli su cosa fare nell’immediato per gli uliveti. Vanno fornite al tessuto imprenditoriale e sociale informazioni utili e puntuali per contrastare e prevenire la malattia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: