Antonella, le odalische e “U’ Menacidde”

Nella “Galleria degli artigiani”, in Piazzetta Fiume, c’è un angolo dedicato ai colori e alle figure del pittore ruvese Domenico Cantatore: è l’angolo di “IN…Cantatore d’arte – viaggio creativo tra i colori e i personaggi dell’artista”, progetto della giovane artigiana Antonella Sigrisi per “Apriti Ruvo!”.

Di Terlizzi, Antonella ama Domenico Cantatore, colui che ha celebrato Ruvo di Puglia nelle opulente odalische e nei contadini arsi dal sole e “plasmati” dalla terra. Ma adora anche la città: «Per un periodo della mia vita – confida – mi sono lasciata adottare da questa bella cittadina, dalla sua arte, musica, archeologia e tradizioni».

«Non appena ho visto le opere di Cantatore in Pinacoteca Comunale, me ne sono innamorata, conquistata dalle sue campiture di colore, vibranti e accese, e dai suoi soggetti. Poi ho mi sono posta questa domanda: “Perché non fare uscire l’opera del Maestro dalla Pinacoteca, diffondendone la conoscenza in modo innovativo, soprattutto tra i più giovani? E ho pensato di farlo trasformando i colori delle sue opere e i suoi personaggi in oggetti di uso quotidiano come accessori d’abbigliamento – le odalische sono diventate spille intagliate e dipinte a mano -; in oggetti anche un po’ desueti quali album fotografici, quaderni e bigliettini di invito e auguri, cuciti a mano».

Oggetti di gusto che potrebbero essere venduti, quali souvenir di gusto e non assecondanti la logica di un “turismo di plastica”, anche nel reparto shop della Pinacoteca accanto ai cataloghi.

Antonella organizza anche laboratori,aperti a tutti, in cui ci si avvicina a Cantatore anche realizzando manufatti ispirati alla sua opera come le sagome rivestite di tessuti.

Antonella realizza anche oggetti d’arredo per interni, mini pigotte e altri oggetti delicati con materiali semplici e da riciclo, in carta, tessuti e stoffe ricavate da indumenti dismessi e rigenerati. Sollecita il ritorno anche alla biblioteca, alla lettura.

«Il mio sogno è quello di far realizzare ai bambini una miniguida della Pinacoteca Comunale  narrata, in uno stile vivace e semplice, da una figura del folclore ruvese, “U’ Menacidde”. Spero che possa realizzarsi questo progetto. Voglio che la Bellezza dell’arte possa diffondersi in questa nuova modalità, dove la didattica, lo studio e la manualità si coniugano alla leggerezza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: