WhatsApp a pagamento? Stavolta l'ipotesi non è una bufala

Un futuro a pagamento per WhatsApp? L’ipotesi esiste, con prelievo diretto dal credito telefonico. Come riferisce studiocataldi.it, stavolta non si tratta della consueta ‘bufala’ abbinata all’app di messaggistica.
Si tratta, invece, della proposta proveniente direttamente dal Garante delle Comunicazioni (l’Agcom). “In realtà -fa notare studiocataldi.it- quella che è stata già ribattezzata come “guerra alle chat gratuite” riguarda tutte le app, e, quindi, non solo WhatsApp ma anche Telegram, Messenger, Viber e tutti i servizi di messaggistica istantanea gratuiti che dovranno pagare un “pedaggio” per l’uso delle reti, potendo “rifarsi” sul credito telefonico dei clienti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: