Home Commercio VENTIMILA AMBULANTI SUL PIEDE DI GUERRA

VENTIMILA AMBULANTI SUL PIEDE DI GUERRA

7798

La situazione da tesa si fa incandescente, anche se il clima è paurosamente freddo e avverso. I ventimila ambulanti di Puglia non ci stanno a continuare a subire non solo le disattenzioni, le vessazioni e le umiliazioni da parte di quei comuni che ancora si mostrano ostili verso i mercati e il commercio ambulante, relegando le aree mercatali in estrema periferia senza un minimo di dignità ma anche per le avverse condizioni meteo che hanno messo in ginocchio il Settore, senza alcun riconoscimento dello stato di difficoltà. Proprio su questo punto insistono i dirigenti delle due Associazioni CasAmbulanti e UniPuglia, i cui Rappresentanti Donato Gala e Savino Montaruli, incontrandolo a Bari presso la Regione Puglia, hanno rappresentato le difficoltà al Governatore Michele Emiliano il quale, nel corso dell’incontro, ha dichiarato agli interlocutori: “oggi incontro le Delegazioni delle vostre Associazioni CasAmbulanti e UniPuglia per condividere le vostre difficoltà che sono oggettive e comprensibili. Mi trovate disponibilissimo a sostenere le vostre ragioni ed è per questo che vi incontrerò ancora recependo le vostre richieste e proposte operative per arrivare insieme all’elaborazione di un provvedimento che vada nella direzione da voi auspicata”. Intanto, nelle more, una Delegazione delle due Associazioni CasAmbulanti e UniPuglia sarà presente all’incontro che il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano terrà nella città di Andria il giorno martedì 7 gennaio 2020, a partire dalle ore 19,00 presso la Sala Attimonelli, in corso Cavour n.194. In tale circostanza al Governatore sarà consegnato il Documento Programmatico ed Operativo, che contiene anche le richieste in merito alla moratoria sugli Ipermercati, modifica disciplina dei Saldi e ovviamente tutte le richieste per il Commercio su Aree Pubbliche a cominciare dall’istituzione del Tavolo Tecnico di Lavoro regionale per il rinnovo automatico delle concessioni in scadenza e il riconoscimento di Categoria Svantaggiata con tutte le conseguenze positive derivanti da tale riconoscimento a cominciare dall’esclusione dall’obbligatorietà dello scontrino elettronico, esclusione dalla Lotteria dello Scontrino e riconoscimento di benefits e sostegni per l’esercizio di un’attività mercatale di oggettivo svantaggio perché esercitata all’aperto ed in condizioni estreme.


1 COMMENTO

  1. Bravo emiliano, degli agricoltori non ti interessa nulla? A che punto è il pagamento danni gelata 2018? Cosa hai fatto per il prezzo delle olive quasi a zero? Presidente carico solo a chiacchiere visto che vuole essere votato.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome