Home Cultura VACANZE PUGLIESI IN PILLOLE: RUVO RACCONTATA DA TOTI E TATA

VACANZE PUGLIESI IN PILLOLE: RUVO RACCONTATA DA TOTI E TATA

363

Ci fanno sorridere dai tempi di Teledurazzo; li abbiamo conosciuti come Piero Scamarcio e lo Scippatore d’emozioni, o meglio ancora come gli Oesàis; senz’altro non potremmo sbagliare chiamandoli Toti e Tata. Grazie alla loro irriverente ma divertentissima satira, il duo comico barese, composto da Antonio Stornaiolo ed Emilio Solfrizzi, riscontra, ancora oggi, un grande successo tra il pubblico pugliese. Non meno considerevoli sono le campagne sociali che i due hanno portato avanti negli ultimi anni e che continuano a fare, sempre inglobandole di quell’ironia che li caratterizza.
In questi mesi, dopo un forte lockdown che ha tenuto ferma tutta la penisola, la regione Puglia ha finanziato varie campagne di promozione del territorio al fine di incentivarne il turismo e poter ripartire da questo. Tra i vari progetti, infatti, si è distinto il programma Vacanze pugliesi in pillole, condotto proprio da Toti e Tata: un insieme di dodici puntate in onda su tutte le reti locali e sui canali social targati #weareinpuglia. I due ripercorrono le bellezze delle città più caratteristiche della regione e, nella puntata settima, è toccato proprio alla nostra Ruvo di Puglia essere raccontata da loro con instancabile ironia.
Apre la puntata l’insolita telefonata di una bambina, Vanessa, chiedendo ai conduttori di portare avanti un servizio su Ruvo di Puglia. Una volta accolta la richiesta, inizia subito il tour e Ruvo viene presentata come una vera e propria città d’arte. Mentre scorrono sullo sfondo le riprese dall’alto della Cattedrale di Santa Maria Assunta, Toti e Tata ricordano l’orgoglio artistico ruvese, Domenico Cantatore, che definiscono come uno dei più grandi pittori italiani, citando la Pinacoteca a lui dedicata. Proseguono il tour, poi, verso il Museo Nazionale Jatta e l’invidiato vaso di Talos che spicca tra tutti i reperti archeologici della collezione, simpatizzando su quanto i ruvesi tengano di più al vaso che alle loro famiglie. Concludono la puntata, infine, con una esilarante standing ovation per la nostra cattedrale, appellandola come meravigliosa e unica.
«Insomma: non vi perdete Ruvo di Puglia» è stato l’invito categorico con il quale i due hanno congedato i loro innumerevoli fans.
A raggiungerli è stato anche il ringraziamento da parte del sindaco della città, Pasquale Chieco, che ha rinnovato l’invito a visitarla con le seguenti parole: «Arte, storia e cultura, Ruvo di Puglia vi aspetta».
Rosanna Stragapede


Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome