Tavolo olivicolo Puglia su riforma PAC, Pentassuglia: “Fiducioso che il Governo accolga nostre istanze”

“Un’apertura c’è stata e sono fiducioso che, nell’interlocuzione con il Ministero, si possa porta ottenere un risultato soddisfacente per la nostra agricoltura e per l’olivicoltura in particolare”. Lo ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura della Regione Puglia, Donato Pentassuglia, nel corso del tavolo di confronto odierno con le organizzazioni agricole pugliesi per fare il punto sul prossimo Piano Strategico della PAC 2023-2027 e sulle principali scelte anticipate dal ministro Patuanelli alle regioni e province autonome.
“E’ in atto un dibattito politico – ha sottolineato l’assessore – in merito al futuro della Politica Agricola Comune che inevitabilmente si riflette sulle specificità territoriali e settoriali delle regioni italiane. L’attenzione è enorme in quanto le scelte che si stanno compiendo condizioneranno il livello dei pagamenti diretti agli agricoltori e le misure per lo sviluppo rurale di cui il nostro sistema produttivo non può fare a meno. In questo dibattito, la Regione Puglia non ha fatto mancare la propria voce insistendo sulla necessità di non alterare gli equilibri territoriali e sottolineando, più volte, l’esigenza di dedicare una specifica attenzione al comparto olivicolo, che più degli altri potrebbe subire consistenti decurtazioni dalle modifiche regolamentari. Nonostante le prime significative aperture offerte dal Ministro, la settimana scorsa abbiamo presentato, insieme a Liguria e Calabria, un documento critico nel quale si segnalava la necessità di porre in atto ulteriori accorgimenti per l’olivicoltura. Con la nostra proposta – ha aggiunto l’assessore Pentassuglia – si chiedeva di mantenere l’aiuto accoppiato all’olivicoltura la cui perdita, per come delineata, non sarebbe adeguatamente compensata dall’inserimento di un ecoschema specifico per gli olivicoltori. Nell’incontro odierno ho comunicato ai rappresentanti del nostro mondo agricolo gli esiti della riunione dello scorso lunedì 20 dicembre, nel corso della quale il Ministro ha prospettato una ulteriore apertura rispetto alle nostre richieste dichiarando di voler integrare con risorse aggiuntive l’ecoschema olivicolo e di inserire l’accoppiato per l’olio d’oliva DOP. Nell’apprezzare l’ulteriore attenzione manifestata, abbiamo, insieme al collega della Calabria, sollevato ulteriori lacune nella proposta condividendo con il Ministro che vi sia bisogno di un ulteriore momento di riflessione. Siamo fiduciosi che nell’incontro previsto per il prossimo lunedì 27 dicembre, il Ministro possa presentarci una nuova proposta che rappresenti un ulteriore passo in avanti verso una PAC più equa, rispettosa dell’ambiente e delle specificità della nostra agricoltura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: