STASERA IL PROGETTO RENATA FONTE: IL PAESAGGIO, LA TERRA, IL CORPO

Si immagini la figura di Renata Fonte come un corpo. E questo corpo è vita, energia, forza, dignità. Si immagini quella donna uccisa per aver difeso il parco del suo Porto Selvaggio dalla violenza speculativa politico-mafiosa, dalla aggressione alla sua integrità e purezza, come libertà e bellezza. Immaginiamo quella madre come la terra, come Gea dalle virtù generatrici e protettrici. E si provi poi ad esprimere tutto questo con linguaggi e forme artistiche che, di quel corpo, sono come sue pieghe profonde ed epifanie. Ma, immaginando, si provi anche a far muovere quel suo ideale corpo in uno scenario in cui il paesaggio e la natura, arsi e bruciati, nel cammino accidentato di un Viale dei Giusti, si fanno racconto mentre scorre un tempo e un giorno d’estate che inesorabilmente declina…
Si vedranno, in quel pomeriggio di luce estiva, movimenti in forma di dialoghi su quel corpo: paesaggi murgiani, salentini. Sarà la sua prima abbacinante manifestazione, il momento della sua proiezione dove lo sguardo si fa parola: suoi interpreti e accompagnatori Marco Carlucci e Andrea Vitale, geologi.
Il tramonto sarà il momento delle penombre… E allora il territorio risuonera’ di suoni e note. Sarà il tempo del giorno in cui quel corpo si fa udito profondo e ancestrale, e, nel gioco di una sua contrazione ed espansione, antico ritmo, futura melodia e memoria. Di questo momento temporale in cui luce e buio trapassano lottando, interprete la musica con Antonio Dambrosio, con percussioni e handpan, Nanni Teot, con tromba e flicorno…
La sera sarà il momento fisico-tattile e cinestetico in cui il corpo comunicherà se stesso attraverso il solo ritmico, primigenio movimento… È il momento in cui la terra, Gea, svelandosi si farà rivolta e sussulto…
Principio di sinestesie… Inizio per una ricomposizione di un volto, di una donna, della terra…
Questo si racconterà a Serra Petrullo, contrada della città di Ruvo di Puglia.
Accompagnati dai patrocini dei Comuni di Ruvo, Corato, Andria, con la Fondazione”Angelo Cesareo”, ci si aprirà a nuove visioni di un paesaggio, di una terra, di un corpo…
Sabato 25 giugno dalle ore 19.00…
Ognuno di noi potrà esserci…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: