Home Palazzo Avitaja Spese comunali a dieta ferrea ma il crac sembra scampato

Spese comunali a dieta ferrea ma il crac sembra scampato

1008

La squadra Ottombrini non molla andando avanti fino alle elezioni di primavera. Al Festival Jazz che si terrà a ottobre 10mila euro. Il bilancio passa in giunta: sale la tassa sui rifiuti, confermato il sostegno al Talos
Aumenta la tassa sui rifiuti, il Talos si farà, ma a ottobre, e la giunta Ottombrini conferma il suo impegno fino alla fine della consiliatura. L’assessore al bilancio Salvatore Di Rella a tutto tondo, dopo la travagliata approvazione in giunta del bilancio di previsione, uno dei passaggi più complicati dell’amministrazione cittadina.
Far quadrare i conti a palazzo Avitaja non è stato mai così difficile. «Colpa delle nuove norme nazionali e della delicata situazione economica dell’ente – conferma Di Rella -. Ma grazie alle scelte attente caute e ponderate che l’ufficio Ragioneria ha fatto negli anni passati abbiamo trovato fondi necessari per assicurare i servizi minimi, e non solo».
Ecco le novità per l’anno in corso: addizionale lrpef invariata all’0.8 per cento; nessun aumento per l’Imu sulla casa mentre i ruvesi dovremo fare i conti con l’introduzione dell’Imu sui terreni agricoli al 10.60%.
Nessuna variazione per la Tasi, che rimane aIl’aliquota massima del 3,3%. Aumenta, e di molto, la Tari, la tassa sui rifiuti; oltre il 10% per le utenze domestiche, oltre il 20% per le utenze non domestiche.
«Una scelta obbligata. Con le discariche provinciali chiuse, il servizio costa di più», chiarisce Di Rella. Fin qui il capitolo delle tasse sui servizi. A seguire, i tagli sul bilancio: stop alle assunzioni, cinghia tirata per le spese dei singoli assessorati e tagli trasversali su tutti i capitoli di spesa, compresi la cultura, l’istruzione e il welfare.
«Tutti ì settori sono stati colpiti equamente», precisa l’assessore. Dalle pieghe del bilancio sono spuntati circa 10mila euro da destinare al Talos Festival, una cifra che ha permesso di rimettere in moto la macchina organizzativa, confidando anche sull’impegno e la disponibilità di Puglia Sounds. Anche se ridimensionato rispetto ai programmi, dunque, il festival si farà e, quasi sicuramente, si terrà a ottobre.
Novità in programma anche per il sostegno alle fasce deboli, dopo le sollecitazioni arrivate dalla minoranza su baratto amministrativo e rinuncia dei gettoni di presenza. L’assessore Di Rella afferma: «Il Consiglio comunale ha votato contro la proposta di cedere i gettoni di presenza e le indennità per un fondo di sostegno per le famiglie in condizioni di disagio. Questo però – rileva – non significa che non ci sono altre iniziative di solidarietà, anche in collaborazione con la Caritas comunale. Sul baratto amministrativo, cioè piccoli lavoretti da fare svolgere a chi non può pagare Imu, Tasi e Tari, al momento, nessuna preclusione. Dobbiamo però valutare l’effettivo impatto che questa formula potrà avere sul bilancio». Chiuso il budget in giunta, il prossimo appuntamento sarà in Consiglio comunale, a fine mese.
È vero che la giunta Ottombrini ha intenzione di lasciare prima del tempo, per cominciare a prepararsi per la competizione elettorale del prossimo anno? «Non andremo così presto a casa – risponde Di Rella – abbiamo superato cento cancelli, perché tirarci indietro ora?».
Fonte La Gazzetta del Mezzogiorno

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome