Sostegno al comparto zootecnico pugliese: dal PSR Puglia 7,5 milioni di euro in favore degli allevatori colpiti dagli effetti del conflitto russo-ucraino

Un sostegno concreto per il comparto della produzione zootecnica pugliese, colpito dai gravi effetti del conflitto russo-ucraino, che impattano con le attività quotidiane di gestione di tante piccole e medie aziende pugliesi, presìdi della ruralità in aree della Puglia da sempre votate all’allevamento e alla pastorizia. Lo prevede il bando della Misura 22 del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Puglia 2014-2022 ‘Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori e PMI particolarmente colpiti dall’impatto dell’invasione russa dell’Ucraina’.

Lo stanziamento per questi contributi è pari a 7,5 milioni di euro: il contributo ha carattere straordinario, a valere sui fondi della transizione del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2022, riconosciuti alla Regione Puglia dalla Commissione europea.

L’Avviso pubblico prevede il riconoscimento di un contributo in conto capitale in base al numero delle unità di bestiame adulto (UBA), rilevabile nella banca dati nazionale dell’anagrafe zootecnica al 30 giugno 2022.

“Con questi contributi a fondo perduto sosteniamo la liquidità delle imprese agricole operanti nei settori della produzione di carne bovina, bufalina, ovicaprina e di latte bufalino o ovicaprino – ha ricordato l’assessore regionale all’Agricoltura, Donato Pentassuglia – in quanto settori fortemente colpiti dalla crisi legata all’incremento dei costi non solo dei mangimi, in larga parte provenienti dalle aree dell’est Europa dove il conflitto non accenna a fermarsi. Il bando segue l’assetto già sperimentato con gli aiuti Covid della Misura 21 del PSR Puglia, prevedendo verifiche agili sulla documentazione che i beneficiari devono presentare nella domanda di sostegno e istruttorie veloci e puntuali”.

A seconda del numero dei capi posseduti e dichiarati, i beneficiari potranno ottenere un contributo una tantum da un minimo di 3mila euro ad un massimo di 15mila euro. I 30 giorni per presentare domanda per i benefici della Misura 22 partiranno dalla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia. L’obiettivo è chiudere il procedimento entro marzo 2022 ed effettuare i pagamenti dei premi alle aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: