Ruvo di Puglia, sequestrati oltre 900 kg di droga: irruzione della Polizia sulla Murgia

Una stalla abbandonata della Murgia barese, della lunghezza di circa 70 metri, adibita a laboratorio di confezionamento e smistamento della droga. A Ruvo di Puglia la Polizia di Stato ha rinvenuto e e sequestrato oltre 900 kg. di marijuana, di cui, una parte già ripartita in numerosi scatoloni e buste pronte per essere trasportate, mentre, ammassato al suolo, vi era ulteriore stupefacente che doveva essere ancora lavorato. L’operazione è avvenuta nell’agro di Ruvo di Puglia,  al confine con il territorio di Bitonto, esattamente all’incrocio tra la s.p. 36 la s.p. 151, dove veniva individuato un muretto a secco, occultato dalla fitta vegetazione, che celava la stalla abbandonata.

In questa operazione anti droga gli agenti hanno tratto in arresto due soggetti, tra cui un incensurato, responsabili del reato di detenzione, aggravato dall’ingente quantitativo, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti. In particolare, in questi giorni gli agenti della Squadra Mobile di Bari sono stati impegnati in specifici servizi volti al contrasto della diffusione degli stupefacenti, realizzando dei veri e propri rastrellamenti nell’area della murgia, zona questa poco frequentata e quindi potenzialmente utilizzata per la realizzazione di traffici illeciti.

Nell’occasione, nell’agro di Ruvo di Puglia, i militari, avvicinatisi prudentemente all’obiettivo, avevano modo di scorgervi all’interno taluni soggetti, intenti alle attività di pesatura, stoccaggio e confezionamento di interi cartoni di marijuana. L’immediato intervento, che permetteva di bloccare gli odierni arrestati, consentiva agli agenti di riscontrare come nell’intera area, secondo l’impostazione accusatoria, fosse stata allestita una vera e propria base logistica di confezionamento e smistamento dello stupefacente; infatti, si rinvenivano e sequestravano oltre 900 kg. di marijuana, di cui, una parte già ripartita in numerosi scatoloni e buste pronte per essere trasportate, mentre, ammassato al suolo, vi era ulteriore stupefacente che doveva essere ancora lavorato. In loco si sequestrava materiale per il confezionamento quali macchinari per porre le buste sottovuoto, bilance, cassette, generatori elettrici ed altri strumenti atti alla medesima finalità. Si riscontrava come fosse presente anche un giaciglio che consentiva ai lavoratori di dormire in loco, svolgendo, eventualmente, anche attività di guardiania dell’illecita sostanza.

Qualora immesso sul mercato, la vendita al dettaglio dello stupefacente avrebbe consentito alla criminalità un guadagno di quasi un milione di euro. Uno dei due arrestati, inoltre, risultava destinatario di una misura cautelare che veniva eseguita contestualmente all’arresto pertanto i due interessati, al termine delle formalità di rito, venivano condotti presso la locale Casa circondariale a diposizione dell’Autorità Giudiziaria innanzi alla quale si terrà il giudizio di convalida ed il confronto con la difesa degli indagati, la cui eventuale colpevolezza dovrà essere accertata in sede processuale, nel contradditorio delle parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: