Home Palazzo Avitaja RUVO “COMUNITÀ EDUCANTE”: RIPARTE LA SPERIMENTAZIONE

RUVO “COMUNITÀ EDUCANTE”: RIPARTE LA SPERIMENTAZIONE

293

Con l’avvio del nuovo anno scolastico e dopo l’interruzione dovuta ai mesi di lockdown, riprende a Ruvo di Puglia il percorso di sperimentazione della pratica della “comunità educante” avviato con il “Patto sull’educazione diffusa” condiviso nel corso del 2019 tra Amministrazione Comunale, scuole e agenzie educative del territorio.


Mercoledì 7 ottobre alle ore 16,00 presso il Centro Linea Comune in via Romanello n. 2, primo incontro della rete dei soggetti già coinvolti nel processo dell’educazione diffusa.

All’incontro parteciperà Rosy Paparella, già Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza e attuale esperta del sistema cittadino di prevenzione e contrasto al maltrattamento infantile e supervisora dell’équipe specialistica abuso e maltrattamento, che supporterà l’intero percorso.

Il “Patto sull’educazione diffusa” ha individuato quattro “azioni necessarie da realizzare” per perseguire i principi e sperimentare le pratiche dell’educazione diffusa: 

  • riappropriazione degli spazi comuni,
  • forme di apprendimento lavorativo,
  • sostegno e coinvolgimento delle famiglie,
  • prendersi cura di chi cura.

Per ciascuna di queste azioni sono state messe a punto differenti progettualità, in collaborazione con i soggetti del terzo settore che operano sul territorio cittadino.

“Ci sono molti modi – ha detto il sindaco Pasquale Chieco – per rispondere alle richieste d’aiuto di tante famiglie, al disagio di tanti adolescenti, ai desideri e ai sogni di tante bambine e tanti bambini; noi vorremmo realizzarne uno su misura per Ruvo, condiviso e scritto a più mani con il coinvolgimento di tutte le agenzie educative del territorio. Con le assessore Monica Montaruli e Monica Filograno consideriamo questo per una città educante il nostro progetto più importante: un progetto sicuramente a lungo termine che andrà sempre continuamente aggiornato, ma necessario per rendere la nostra comunità ancora più coesa e unita dal senso civico e dall’attenzione verso le nuove generazioni.”

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome