Home Sport Rugby, Claudio Bucci il “bussolotto”

Rugby, Claudio Bucci il “bussolotto”

Claudio Bucci è un tallonatore della Corgom Seniores Rugby Corato, ha 21 anni, la folta barba che svolazza quando gioca ed è alto 170 cm per 96 kili. In gergo rugbistico, è quello che chiamano “bussolotto”, anche se non dà l’impressione di essere tozzo, goffo o impacciato quando scende in campo. Il suo modo di correre è in un certo senso iconico, per via della falcata naturalmente piuttosto ridotta, il che può contribuire a creare un’immagine caratteristica del giocatore.

Nella stagione 2017/2018, la prima nella squadra Corgom Seniores Rugby Corato, Bucci a suon di buone prestazioni ha rapidamente conquistato sostenitori e tesserati della Rugby Corato ASD. In sette presenze, due da titolare, il tallonatore oltre a prendere confidenza con lancio in touch e tallonaggio in mischia ordinata, ha messo in mostra una predilezione per le corse palla in mano nel gioco aperto, dimostrando di interpretare il suo ruolo in maniera fantasiosa e, in generale, poter essere un giocatore in grado di competere in un campionato agonistico come la C2, nonostante la statura.

All’inizio della sua carriera, presentatosi al campo da neofita, non tutti la pensavano in questo modo: «Alcuni mi guardavano come se fossi troppo piccolo – ha detto Bucci recentemente – percepivo perplessità verso il mio voler giocare in mischia, agli inizi ho pensato di combattere una battaglia persa».

Una dimensione quella del giocatore di mischia, secondo Bucci, dove la cultura impone la ricerca di giocatori che compongano un pack molto fisico e potente, caratteristiche che si scontrano con l’agilità e la tecnica di Bucci.

«Mi è arrivato un suggerimento – mi è stato detto “Penso tu sia troppo piccolo, puoi cominciare ad andare in palestra o tornare tra un anno”. Ero sotto un regime rigido per diventare il più grosso possibile, ho messo su tutto il peso che potevo, al punto che non ero più in grado di giocare nello spazio come volevo».

Considerando la sua esperienza e i suggerimenti ricevuti, dunque, Claudio Bucci sa bene cosa rispondere ai ragazzi di 15-16 anni che gli chiedono come fare per mettere su il maggior peso possibile a quell’età: «Sono convinto del fatto che, se sei abbastanza bravo, arriverai da qualche parte. Il peso viene dopo. Non penso che i ragazzi debbano andare a spaccare la palestra».

Quello di Claudio Bucci è un discorso ripreso da molti addetti ai lavori negli ultimi anni, preoccupati per lo sviluppo fisico troppo precoce da parte dei giocatori. Ma il discorso si può estendere a tutto il mondo ovale: tra le squadre seniores si intravede qualche inversione di tendenza, con maggiori preferenze verso giocatori tecnici, rapidi e abili nel giocare a rugby, ma forse siamo solo all’inizio.

LEAVE A REPLY

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome