QUATTRO ANNI CON VOI…

488

Ogni 21 febbraio ha sempre un sapore speciale per noi. Rappresenta l’inizio di un lavorativo nuovo, una primavera anticipata o un capodanno ritardato. Fate voi!

Nel sottolineare il piacere dell’offrirvi un prodotto diverso nello stile e nella forma, ma in sintonia con l’idea grafica e di formattazione da noi sposata sin dal principio, consentitemi in questo editoriale di mettere in evidenza il sacrificio, il lavoro certosino che tutta la squadra compie sottovoce ma con grande spirito di attaccamento alla maglia. Senza di loro ruvesi.it non sarebbe il ruvesi.it di oggi. Ed è a loro che dedico questo traguardo.

Vincenzo, Carmen, Franco, Veronique, Silia, Giusy, Jacopo, Michele: a voi il mio grazie.

E’ chiaro che non mi sarei mai aspettato di poter guidare per quattro anni la stessa nave, ma so benissimo che saprà procedere a mare aperto anche con un altro capitano.

E’ giusto che a parlare del nostro lavoro siano i nostri lettori, quelli che quotidianamente fanno realmente ruvesi.it.

Noi possiamo solo documentare come la passione che ci mettiamo, la voglia di documentare, narrare, raccontare storie non si è mai esaurita.

Quattro anni significano una porzione importante nella quale la comunità ruvese è cambiata e in fondo lo siamo anche noi.

Più votati a tutelare questa città, al di là del nostro ruolo. L’attaccamento e la dimostrazione di affetto che quotidianamente riceviamo è per noi elemento di grande orgoglio.

Per non parlare della grande capacità di essere al passo coi tempi, alla volontà di perseguire quello che è il nostro obiettivo primordiale: essere narratori degli avvenimenti e delle vicende ruvesi, da giornalisti che hanno l’obiettivo di raccontare il vero.

Web tv e social hanno dato un volto differente a questo progetto, lo hanno completato e arricchito, lo streaming è un viatico comunicativo che garantisce pluralità al paese.

La fiducia delle aziende ruvesi è una grande gioia per noi che facciamo il massimo per onorare la “casacca” di ruvesi.it!

A chi c’era, a chi c’è, a chi ci sarà!

 

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome