POPOLO DELLA FAMIGLIA, ANCHE I DELEGATI PUGLIESI CONFERMANO ADINOLFI

L’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia, tenutasi a Pomezia il 15 e 16 ottobre, si è conclusa con l’approvazione della relazione del presidente, Mario Adinolfi, da parte dei 118 delegati tra cui anche quelli pugliesi con una sola astensione. La presidenza è stata dunque confermata alla guida del movimento. Nella due giorni di dibattito molti i temi affrontati: dall’atteggiamento da tenere rispetto al nascituro governo Meloni fino alle questioni relative alle tradizionali battaglie del movimento di ispirazione cristiana su denatalità, diritto alla vita, battaglia all’aborto e all’eutanasia. Proprio su questi temi è stata approvata dall’assemblea una proposta di legge di iniziativa popolare denominata “legge sul diritto alla vita” che in quattro articoli, fondati su altrettante norme costituzionali e sul testo tradizionale del giuramento di Ippocrate, proclama il “diritto universale a nascere” insieme al “diritto universale a non essere soppresso”, con sostegno economico particolare alla maternità e alla disabilità grave nonché con sanzioni pesanti (radiazione dall’albo, carcere da sei a dodici anni) per i medici che collaborano a interruzioni volontarie di gravidanza o processi eutanasici. I fondi per il reddito di maternità e il sostegno alla grave disabilità, quantificati in 5 miliardi annui, vengono assicurati da un taglio all’aumento previsto delle spese militari per armamenti (a regime pari a 13 miliardi di euro annui per arrivare al 2% del Pil). Tra le altre determinazioni dell’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia, quella di presentarsi alle prossime elezioni amministrative del 2023 con il proprio simbolo, sempre aperti comunque a collaborazioni e ad alleanze.
“Incontrarci di persona è stata una occasione per ricaricare le batterie dopo la fatica dei recenti impegni elettorali e per rilanciare la nostra azione politica sui territori, consapevoli che possiamo contare sulle nostre risorse ma anche sulla forza della Fede” dichiara Cosimo Leggiero, coordinatore regionale della Puglia e continua: “La proposta di legge di iniziativa popolare denominata legge sul diritto alla vita è stata una determinazione fondamentale da parte dell’assemblea nazionale; questo ddl diverrà il nostro timbro di fabbrica nella rinascita dell’Italia”
Gli fa eco Giuseppe Lo Iacono, coordinatore della provincia di Taranto: “a partire dalle prossime tornate elettorali, ci focalizzeremo su comuni-simbolo nella nostra regione, in modo da concentrare gli sforzi per essere presenti con il nostro simbolo ben visibile sulla scheda elettorale, come auspicato dalla Presidenza nazionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: