Poche radiazioni e massima precisione: un nuovo apparecchio per le fratture dei più piccoli

Un apparecchio avanzato in grado di evidenziare la frattura, con una bassa dose di raggi, e di consentirne la riduzione o l’applicazione di mezzi di sintesi metallici. È l’ultimo acquisto dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari in dotazione alle unità operative di Radiologia e Ortopedia, dirette da Giandomenico Stellacci e Daniela Dibello. Si tratta di un arco a c supermoderno e sofisticato a misura di bambino: la strumentazione consente infatti di poter intervenire su pazienti molto piccoli e produce una bassa dose di radiazioni. Attraverso l’apparecchio inoltre è possibile eseguire interventi di microchirurgia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: