PER NON DIMENTICARE: DIECI ANNI FA L’UCCISIONE DI PINO DI TERLIZZI

Ricorre oggi il decimo anniversario dall’omicidio di Pino Di Terlizzi. Ruvo di Puglia ricorda quanto accaduto sperando che episodi di tale gravità non si ripetano.

Il ricordo deve servire per abbracciare una volta di più l’intera famiglia! Ma riavvolgiamo il nastro.

Dalla ricostruzione effettuata dai militari è emerso che erano passate da poco le 21,30 quando quattro dei giovani, con i volti coperti da passamontagna, fecero irruzione nella salumeria costringendo l’uomo a consegnare l’incasso della giornata. Di Terlizzi tento’ di reagire. A quel punto nacque una colluttazione durante la quale uno dei rapinatori fece fuoco esplodendo un solo colpo di pistola che raggiunse il salumiere alla testa.

All’alba del 1 giugno 2012 i militari del nucleo investigativo del reparto operativo del Comando Provinciale di Bari, in collaborazione con i colleghi della compagnia di Trani, eseguirono dapprima le perquisizioni e successivamente il provvedimento di fermo. I giovanissimi furono accusati di omicidio, rapina, porto e detenzione di arma da fuoco in luogo pubblico. Determinanti ai fini delle indagini sono state anche le immagini di una telecamera di videosorveglianza sistemata nelle vicinanze della salumeria della vittima.

Dal filmato erano ben riconoscibili gli abiti dei giovani, elemento investigativo che ha permesso ai militari di risalire in poco tempo alle loro identità. Nei giorni scorsi si era gia’ diffusa la notizia della loro iscrizione nel registro degli indagati.

Durante le perquisizioni domiciliari eseguite in mattinata sono stati sequestrati un passamontagna e 34 cartucce calibro 7,65, lo stesso calibro di quello rinvenuto sul luogo della rapina durante i rilievi. La vittima fu uccisa per un bottino di appena 300 euro.

Il processo portò alla condanna di quattro e un’assoluzione il primo verdetto.

Queste furono le condanne: 30 di reclusione sono stati comminati a Giancarlo Pozzessere, ritenuto il killer di Peppino. Venti anni di carcere dovrà scontare Roberto Cosimo Damiano Selle; 14 anni di reclusione la pena inflitta a Domenico Gentile e Francesco De Cillis. Assolto invece Daniele De Feudìs con l’equivalente della formula dell’insufficienza di prove poiché l’unico che quella sera non entrò nel negozio di generi alimentari essendo rimasto in auto nelle vicinanze. I pubblici ministeri avevano chiesto l’ergastolo per tutti i 4 imputati nonostante la scelta del rito abbreviato.

L’inchiesta condotta dai Carabinieri ha ricostruito l’intera vicenda e di come si svilupparono i fatti quella sera. Dai riscontri di dna, sequestri e ogni dettaglio della vicenda, è emerso che il primo obiettivo della rapina fosse un tabaccaio che a quell’ora fu trovato chiuso. I 4 allora si indirizzarono verso un’altra meta dirigendosi verso la salumeria, in procinto di chiudere dopo la giornata di lavoro.

Dall’esito e dalle prove, a sparare a bruciapelo con un colpo di pistola calibro 7,65 contro il volto di Pino Di Terlizzi fu appunto la mano di Pozzessere coperto da passamontagna. Preceduto pochi istanti prima dalla minaccia della pistola scacciacani in mano al complice, Roberto Cosimo Damiano Sette (cognato di Pozzessere) per farsi consegnare il danaro in cassa. La rapina finì con la sparatoria finita nel sangue e poi la fuga di corsa insieme agli altri tre complici a bordo della Ford Fiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: