Home Sport PAUSA ESTIVA PER IL TIRO CON L’ARCO. CHE CRESCITA PER GLI ARCIERI...

PAUSA ESTIVA PER IL TIRO CON L’ARCO. CHE CRESCITA PER GLI ARCIERI RUBIS “B. TODISCO”

93

Sotto un sole estivo e un cielo azzurro domenica 21 Luglio si si è conclusa la prima parte dell’anno 2018/19.

“Siamo onorati di avere rappresentato – afferma Mariella Milani – la nostra RUVO di PUGLIA sfide risolte all’ultima freccia ai Tricolore Interregionali, Regionali e Nazionali è il proseguo di un percorso che gli Arcieri RUBIS hanno intrapreso da anni partecipando ad eventi di grandissimo livello. È sempre bello vincere un tricolore e un vero agonista non dovrebbe mai abituarsi a salire sul podio; spero che questa grande opportunità sia solamente uno stimolo per raggiungere importanti risultati”.

Va un riconoscimento all’arciere Massimiliano Di Gioia, con 5 medaglie Arco nudo a Pagano Nicola con la partecipazione a 7 gare interregionali, alla donna straordinaria Balan Ana Nina (La Nina) con 3 medaglie Indoor 18 m.e conquistando il titolo di Campionessa Regionale , Mariella Milani con la partecipazione a 15 gare Indoor 18 Mt ed ancora 7 gare 3D con la partecipazione al Campionato Italiano 3D tiro di campagna Lago Laceno (AV) ed ancora 6 gare 12+12.

“Lo sport è per tutti anno dopo anno si continua a crescere. Non chiedetemi il numero delle medaglie, sono state tante e tutte hanno un valore inestimabile. Tutte racchiudono sacrifici, speranze, passione, il piacere di ritrovarsi ancora insieme come una grande famiglia Di tutti gli arcieri questi i risultati più importanti dico sempre che basta un dettaglio per salire o scendere dal podio. Una freccia anomala, un colpo di vento. La tensione che gioca brutti scherzi. Posso solo dire abbiamo arcieri di grande esperienza ed affidabilità”, il commento di Mariella Milani. La società ha effettuato la prima gara l’11 novembre 2016 a Bari.  Il primo memorial “Biagio Todisco “ Campionato Regionale + Assoluti si svolse a Ruvo di Puglia il 13/14 Gennaio 2007. Da allora sono seguiti anni lunghi e laboriosi nei quali la società ha fatto passi da gigante, ottenendo molte vittorie e tante sconfitte, soprattutto quelle emotive ove la burocrazia e la scarsa conoscenza della materia in questione rallentano l’evolversi di una sana disciplina olimpica.

“Il Tiro con L’arco è straordinario proprio perché non è mai fatto di solo frecce è lo sport più bello e antico del mondo per noi che abbiamo giocato, giochiamo e vediamo giocare. La nostra disciplina ha la fortuna di riuscire a mettere gli atleti “tutti” davvero sullo stesso piano, il concetto di fair play abbraccia: rispetto delle regole, degli altri e di sé stessi, valorizzazione delle diversità e delle unicità, fratellanza, uguaglianza, lealtà ed integrazione”, conclude Mariella Milani.

Dopo una breve pausa estiva riprenderemo gli allenamenti indoor 18m.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome