Home Attualità PASQUALE RAFFAELE: "RIPORTATA LA POLITICA AL CENTRO. ENTRAMBE LE COALIZIONI NON POSSONO...

PASQUALE RAFFAELE: "RIPORTATA LA POLITICA AL CENTRO. ENTRAMBE LE COALIZIONI NON POSSONO PRETENDERE LA NOSTRA FIDUCIA"

2243

L’unico commento mancante, al risultato elettorale del primo turno, era quello di Pasquale Raffaele. In questa nota, il candidato sindaco di Sel, Ruvo Priorità e Partito della Rifondazione Comunista, sottolinea quanto svolto nel corso della campagna elettorale e ribadisce che entrambe le coalizioni non potranno pretendere la loro fiducia.

In un Paese scevro da condizionamenti, quegli amministratori che nel corso degli anni avessero condotto il paese al collasso finanziario e infranto il sogno di una casa trasformandolo in incubo, sarebbero stati semplicemente bocciati da tempo.

Così invece non è stato, complice la frammentazione di tutte quelle forze che a parole dichiaravano la loro opposizione al sistema di potere, ma che nei fatti hanno agevolato trasformismo e conservazione.

Noi abbiamo voluto intraprendere una strada difficile e quasi impossibile, quella di far tornare al centro della nostra comunità la “Bella Politica”, posta al servizio della città – soprattutto dei suoi cittadini più deboli: i pensionati, i disoccupati, i giovani lavoratori precari, le famiglie monoreddito – un percorso condotto con coerenza e senza tortuosità alcuna, anche a scapito di piccoli obbiettivi personali. Abbiamo guardato al futuro della nostra Comunità e non, come spesso avviene, al quotidiano interesse partitico e personale.

Non facendo parte di lobby precostituite e non avendo pacchetti di voti consolidati, costruiti nel tempo, né forze e risorse economiche alle spalle (la ns. campagna elettorale è costata € 1.800,00), ci siamo rivolti alle Cittadine e ai Cittadini liberi della nostra città. Certamente non li abbiamo raggiunti o convinti tutti ma abbiamo seminato, consumando le nostre scarpe e la nostra voce ed è quindi a quei cittadini liberi che va il nostro più sentito ringraziamento.

Non avevamo e non abbiamo la presunzione di poter cambiare il “Sistema”, ma la volontà di differenziarci quella si.

La nostra coalizione, autenticamente a Sinistra, è differente, perché ha messo e continuerà a mettere al centro della propria azione la questione morale, totalmente messa da parte nel dibattito politico degli ultimi anni. Certi che si possa coniugare la fermezza dei valori con un’azione progressista, affinché si possano estirpare quelle rendite di posizione e quegli schemi precostituiti, che bloccano la trasparenza dell’azione amministrativa.

Il voto amministrativo del primo turno, ha portato all’esclusione dal prossimo Consiglio comunale di tutte quelle forze che rappresentavano solo il proprio candidato e che non avevano né storia né progettualità politica e questo è un bene. Tuttavia riteniamo che sia nato un nuovo soggetto politico di Sinistra locale al quale si dovrà guardare con attenzione fiduciosa, consapevoli che eventuali chiusure e isolamenti non gioverebbero alla collettività e a quei valori a cui siamo legati.

Il 19 giugno si concluderà il voto amministrativo con la scelta fra due candidati molto differenti e fra le loro coalizioni e progetti.

La coalizione guidata dal candidato Antonello Paparella è assolutamente distante sia sul piano dei valori, e noi alla nostra storia non possiamo rinunciare, sia in termini di proposte programmatiche, poiché noi abbiamo una differente idea di sviluppo della Comunità, basata su solidarietà ed equità sociale. Quindi nessuno può pensare che si possa condividere alcun percorso con la coalizione di centro-destra.

La nostra idea di un Rivoluzionario Cambiamento per una democrazia sana e matura, non trova nemmeno corrispondenza con l’idea di Città proposta dalla coalizione rappresentata da Pasquale Chieco. Con dispiacere rileviamo, che il programma da lui proposto oltre ad essere fumoso e vago non garantisce la discontinuità con la precedente Amministrazione, che ha prodotto dei danni irreversibili alla Comunità ruvese. La storia non può essere cancellata con un colpo di spugna.

Per queste ragioni, riteniamo che entrambe le coalizioni non potranno pretendere la nostra fiducia.

Riteniamo che i nostri elettori in piena consapevolezza sapranno come orientarsi e non si lasceranno condizionare da eventuali pressioni che saranno esercitate su di loro: di questo ne siamo certi.

Invitiamo entrambe le coalizioni:

  • a rendere noto i nomi che andranno a costituire la compagine assessorile che con il futuro Sindaco amministreranno Ruvo di Puglia, nel rispetto della trasparenza, ed affinché tutti elettori, indistintamente, possano esprimere un voto consapevole;
  • a mostrare maturità politica ed evitare, pur di racimolare qualche voto, di fare pressione su un elettorato che vuole e deve scegliere in piena libertà ed autonomia. Chiediamo rispetto per i cittadini!

Siamo sicuri che per il bene della nostra Comunità, e consapevoli della difficile situazione socio-economica in cui versa, nessuno possa ritenere di avere la migliore ricetta possibile. E’ solo con l’ascolto continuo e la considerazione verso tutti gli uomini e le donne che vivono e lavorano a Ruvo che si può far rinascere la passione civile in questa nostra bellissima Città.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome