Parco Urbano Multifunzionale, a giorni il nome dell’azienda appaltatrice

Fra circa dieci giorni si conoscerà il nome dell’azienda appaltatrice che procederà ai lavori di riqualificazione delle aree a D.M. 1444/68 dei Comparti C e D in cui insisterà il Parco Urbano Multifunzionale, nei pressi dell’Estramurale Pertini, anch’esso interessato a lavori di manutenzione.

E’ quanto annunciato, una settimana fa, dal sindaco Pasquale Chieco nel corso della tappa ruvese del tour che ha visto impegnato Michele Abbaticchio, sindaco di Bitonto e vicesindaco metropolitano delegato alla pianificazione strategica, a fare il punto sugli interventi pianificati dalla Città Metropolitana di Bari e dai Comuni Metropolitani, nell’ambito del Progetto “Periferie Aperte”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con 41milioni di euro.

Era il 2015 quando la Presidenza del Consiglio dei Ministri approvò il bando per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle Città Metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta. La Città Metropolitana di Bari decise di aderire invitando i Comuni compresi nella sua area a presentare progetti che andassero a comporre la candidatura metropolitana, in un’ottica di coprogettazione.

Il Comune di Ruvo di Puglia presentò un progetto di riqualificazione delle aree a D.M. 1444/68 dei Comparti C e D in cui si prevedeva la realizzazione di un Parco Urbano Multifunzionale, per un importo complessivo pari a 1.031.396.80 euro, già approvato con delibera di Giunta Comunale n. 89 del 10 aprile 2015.

Il 4 agosto 2016  il progetto è presentato alla Città Metropolitana che decide di ridurre l’importo dell’intervento, erogando un finanziamento massimo di 807mila euro. Il Comune di Ruvo di Puglia decide di procedere alla divisione del progetto in due lotti funzionali autonomamente fruibili; uno dell’importo complessivo di 806.954,93 euro, da finanziarsi con i fondi della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’altro di 224.442, 87 euro.

Con delibera di Giunta Comunale n. 221 del 8 agosto 2016 è  approvato il progetto definitivo del primo lotto funzionale finanziabile con 806.954, 93 euro e viene inviato al Sindaco Metropolitano il quale, con decreto n. 106 del 29 marzo 2017, approva il Disciplinare che regola i rapporti tra il Comune di Ruvo di Puglia e gli altri enti coinvolti nel Progetto “Periferie Aperte”.

«Avremmo preferito qualche euro in più. – ammette il sindaco Pasquale Chieco, celiando – Si pensava di sfruttare il digradamento naturale del terreno per fare un anfiteatro, ma non è stato possibile perché il progetto è stato scorporato».

«La Città Metropolitana di Bari – spiega Abbaticchio – è stata la prima in termini di partecipazione al progetto. 38 Comuni metropolitani su 41 hanno aderito e questo dimostra l’attenzione dei nostri Comuni a migliorare la vivibilità delle periferie attraverso un aumento delle aree verdi, l’implementazione delle aree sportive e, soprattutto, il rafforzamento della videosorveglianza che garantisca un’effettiva sicurezza. L’auspicio è che il Parco possa essere realizzato entro il 2019, “anno delle periferie” che dovranno essere considerati sicuri spazi di incontro e di presidio territoriale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: