Home Religione L’editoriale di “Luce e Vita”: “Con gli occhi sbarrati”

L’editoriale di “Luce e Vita”: “Con gli occhi sbarrati”

130

L’editoriale di “Luce e Vita” di questa settimana è firmato da Paolo Bustaffa, Giornalista Sir.

Chi pilota gli aerei che bombardano le città palestinesi e chi lancia i razzi contro le città israeliane sa quanti bambini sono stati uccisi o che hanno visto morire fratelli, genitori e amici. Lo sa anche per chi ordina gli attacchi. Molti di costoro hanno figli ai quali spiegheranno il perché delle decisioni e delle loro azioni: quale sarà il giudizio che riceveranno?
Le domande non sono nuove, si riaccendono in questi giorni guardando sui media i volti di tanti ragazzi sconvolti dalla tragedia che si consuma nelle loro case.

Sono domande che riguardano anche il futuro: gli occhi dei piccoli che hanno visto l’odio distruggere e uccidere riusciranno a vedere oltre, riusciranno ad avere pensieri e sguardi diversi da chi bombarda e da chi ordina di bombardare, da chi assiste alla strage? Riusciranno a pensare un futuro diverso? Oppure questi ragazzi, diventati grandi nell’attraversare il dolore innocente, attenderanno l’ora per restituire il tanto, troppo, male ricevuto?

La speranza che ciò non avvenga è viva ma viene messa a dura prova da un odio che non si ferma di fronte a un mondo squassato dalla pandemia e neppure si spegne in una terra dove due fedi gareggiano nell’invocare un Dio misericordioso. è per altro verso sconsolante prendere atto che non esiste ancora un’autorità morale e politica che a livello mondiale sia in grado di prevenire e fermare questa e altre ondate di disumanità. I diritti umani, la pace e la giustizia continuano a essere trattati come “fatti privati” di singoli Paesi mentre, al contrario, non ci sono frontiere per i razzi, per gli aerei, per gli interventi militari.

I bambini, spesso ridotti a numeri nelle cronache delle guerre, sono i primi a vedere con gli occhi sbarrati gli effetti di quanto sta accadendo.
Il mondo degli adulti ha sempre una giustificazione per scaricare le proprie responsabilità e ricorre anche alla storia per dire che lo scontro è e sarà inevitabile.

Ma i bambini hanno una storia loro, una storia di pochi anni, una storia brutalmente interrotta dalle scelte degli adulti. Muoiono sotto le bombe i bambini che il Covid ha risparmiato.
Quelli che sopravvivono, come documentano le immagini dei media, hanno gli occhi sbarrati e il cuore spezzato da un dolore che domani, diventati adulti, li vedrà al bivio tra la vendetta e la riconciliazione.

Verrà un giorno in cui i bambini palestinesi e i bambini israeliani diventati adulti si ritroveranno per decidere la direzione della storia. All’appuntamento si presenterà qualche adulto per chiedere perdono?

 

 

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome