Home Religione L’editoriale di “Luce e Vita”: “Care Lettrici e Cari Lettori adesso tocca...

L’editoriale di “Luce e Vita”: “Care Lettrici e Cari Lettori adesso tocca a voi!”

197

L’inizio del nuovo anno introduce il nostro settimanale nel suo 96° anno di pubblicazione, avvicinandolo sempre più all’attesa tappa del centenario. Nello scambio di auguri con la redazione, il 23 dicembre scorso, il Vescovo Domenico ha già accennato alla necessità di cominciare a pensare al centenario e forse occorrerà farlo. Ma l’intento di questo editoriale è quello di rivolgere un invito chiaro alle Lettrici e ai Lettori in riferimento a questo 96° anno e all’esigenza di dare ampio sostegno all’impegno del settimanale.

Prima pagina

Protagonisti del giornale sono coloro che scrivono, quanto anche coloro che leggono, nella misura in cui i due protagonismi riescono ad incrociarsi. La progettualità editoriale del nostro giornale ha una chiara mission, quella di offrire sì notizie della cronaca ecclesiale e sociale, ma spingendosi un po di più sull’approfondimento. Integrandosi con i media digitali (sito e social diocesani) al giornale riserviamo il compito di raccontare la vita della Diocesi e delle sue varie espressioni e approfondire temi di varia natura che aiutino i Lettori ad entrare nelle notizie e nei fenomeni, ad avere un approccio meno immediato ed emotivo – qual è quello dei social – e più critico e sostanziale che solo l’esercizio attento di scrittura e lettura può dare. Non ci illudiamo che un’immagine, un titolo, uno slogan o un hashtag possano modellare le menti. Questi possono certamente colpire, impressionare, suscitare un’idea, un interesse, una riflessione… Ma la formazione delle coscienze ha bisogno di momenti più distesi che solo la lettura attenta può dare. è un po’ come mettere in relazione il primo annuncio e la catechesi.
Allora è il caso di richiamare quelli che sono i canali comunicativi che la Diocesi ha posto in essere nell’ultimo decennio (un’analisi dettagliata è stata pubblicata su Luce e Vita n.22 del 2 giugno 2019): Sito diocesimolfetta.it. Profilo Instagram, Pagina Facebook, WEB TV Canale Youtube, Portale delle Parrocchie, rassegna settimanale e servizi autoprodotti e trasmessi da Tele Dehon, Newsletter settimanale DiocesInforma. Migliaia di persone raggiunte e coinvolte, come è possibile fare con i social. A questi canali si aggiungono altri profili di singoli uffici diocesani e associazioni con i quali servirà instaurare un dialogo progettuale pensato e coordinato. In questi spazi è ancora più possibile che i Lettori divengano protagonisti nella logica del web 2.0, cioè dell’interattività.
Ma anche il giornale cartaceo, con le sue rubriche, è sempre aperto a tutti, ai singoli lettori, alle comunità parrocchiali, agli uffici, alle associazioni… e, per quanto si riesca, anche a quanti non hanno voce. La mail del giornale e i numeri telefonici sono sempre attivi per interagire con la redazione. Perchè è il giornale cartaceo il motore della comunicazione diocesana! Senza di esso la comunicazione sarebbe volatile, passeggera, quasi effimera. Usa e getta. Pertanto vorremmo rivolgere un forte appello perchè il giornale sia convintamente sostenuto, nelle idee e nelle risorse. Non sia considerato un peso, ma un impegno pastorale e culturale in cui investire, forse anche da potenziare. Sottoscrivere un abbonamento o contribuire alla spesa che ogni parrocchia si accolla nel distribuire copie gratuitamente, significa sostenere tutto l’impianto comunicativo della Diocesi: cartaceo e on line.
Certo, alla difficoltà di realizzazione dei giornali si aggiunge, da qualche anno, la penalizzazione inferta dalle Poste con consegne ormai senza più certezze: due, tre, quattro numeri consegnati in una sola volta, con continue e giuste lamentele da parte dei Lettori. Non ci consola il fatto che il problema sia in tutta Italia e che la Federeazione dei Settimanali ha incontrato di recente gli organismi parlamentari preposti per esporre i disservizi che le Poste procurano e le possibilità di rimediare.
Come redazione vorremmo offrire ancora di più, le idee non mancano, ma servono risorse necessarie. Ben vengano sostenitori o donazioni per la causa del giornale! Ben vengano stimoli costruttivi! Noi continueremo a mettercela tutta perchè ogni settimana Luce e Vita trovi spazio e tempo nelle nostre parrocchie e case.
Buon 96° anno, insieme!

Luigi Sparapano

Gentile Lettrice, Lettore, è tempo di rinnovare la Tua fiducia nel servizio costante che Luce e Vita offre alla comunità, accanto agli altri media (sito, canale Web Tv, social…) Regalati e regala un abbonamento per il 2020
€30 per il Settimanale cartaceo – €22 per la versione digitale
€50 con Documentazione, su ccp n. 14794705 intestato a
Luce e Vita, P.zza Giovene 4, Molfetta
o con bonifico iban IT15 J076 0104 0000 0001 4794 705
Oppure compila il modulo su diocesimolfetta.it,

Ancora un anno insieme!

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome