L’alta cucina per “intolleranti” di Angelo Berardi

Il raviolo di pasta fresca,  ripieno di burrata pugliese e spuma di mirtilli, è il piatto senza glutine che conduce i celiaci  in un reame gourmet. A consentire di vivere questa sontuosa quanto singolare esperienza sensoriale a tutti, soprattutto a chi soffre di intolleranze alimentari,  è lo chef Angelo Berardi, ruvese da anni trapiantato nel Sud Tirol – Dolomiti.

«Al ristorante – mi racconta –  notavo che aumentava la richiesta di portate senza glutine. Mi dispiaceva che un cliente fosse costretto a rinunciare ad alcuni piatti particolari, per cui ho  deciso di intraprendere un percorso di ricerca, specializzazione e sperimentazione di cucina senza glutine e altre intolleranze- al lattosio, alle proteine del latte e nickel, per esempio –  per soddisfare questo tipo di esigenze. Il risultato è la creazione e preparazione di pietanze, con glutine e senza glutine, che appagano, tuttavia,  in egual modo  la vista».

La cucina di Berardi a Hotel Villa Madonna, a Siusi allo Sciliar, è stata lodata su “Eventi Cultural”, testata web e su carta stampata  distribuita in teatro, gallerie e ambasciate.

Quando Angelo Berardi decide di diventare chef?

«Il mio percorso nella ristorazione ha inizio nel 1987, nella pasticceria di Giuseppe Berardi. Anni lunghi, intensi, dove apprendo e mi perfeziono nell’arte della  pâtisserie.

Poi decido di fare stage, frequentare corsi di formazione e  affinare la mia arte in altre città  italiane e all’estero. Sono state esperienze colme di sacrifici, rinunce e altrettanto impegno e passione tanto da forgiarmi come professionista e come uomo».

Anni di lavoro e di incontri, di arricchimento professionale e umano.

[Best_Wordpress_Gallery id=”226″ gal_title=”Chef Angelo Berardi”]

«I miei mentori, i miei punti di riferimento professionali – prosegue – sono coloro che realizzano piatti innovativi senza alterare l’essenza della materia prima: un incontro fra tradizione e innovazione dove non c’è alcuno sbilanciamento».

Berardi, intanto, amplia il suo patrimonio culinario studiando altri ambiti, anche la cucina molecolare.

«La mia cucina è fatta soprattutto di prodotti pugliesi assemblati a quelli del Sud Tirolo: una combinazione interessante, in chiave moderna, che i clienti apprezzano.  Amano molto, per esempio, la contaminazione tra dolce e salato. Oltre al  raviolo citato poco prima, amano la tartare di bue con sbriciolata di grana, gel di prezzemolo e vincotto di fichi; o la tartelletta con cremoso di mandorle, arachidi e sfera liquida di balsamico al lampone».

Pensa di ritornare in Puglia?

«Mi piacerebbe e penso che in futuro si possa realizzare».

Cosa consiglia a un ragazzo che voglia diventare chef?

«Deve avere molta passione per questo lavoro fatto per la maggior parte di sacrificio, rinunce, impegno; deve essere umile e pronto a mettersi in gioco, a formarsi – una carissima persona mi disse “O ti formi o ti fermi” – e non lasciarsi abbagliare dai cooking show in televisione: spesso non rispecchiano la realtà».

(Foto su concessione di Angelo Berardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: